Lunedì a Omaha in Nebraska i funerali di Ercole Cavalieri
La salma riposerà a Campagnola

24/9/2021 – I funerali del professor Ercole Cavalieri, lo scienziato originario di Campagnola , spirato a 84 anni il 21 settembre nella sua casa sul lago a Omaha, in Nebraska, avranno luogo lunedì 27 settembre alle 11, nella chiesa cattolica di S.Pio X in Blondo Street a Ohama.Dalle 17 di domenica visite alla salma e veglia a partire dalle 19 presso la John A. Gentleman Mortuaries 72nd Street Chapel . Lo si apprende dal sito internet delle onoranze funebri. Una volta concluse le procedure, Cavalieri sarà trasferito in Italia e riposerà nel cimitero di Campagnola, la cittadina della bassa alla quale era profondamente legato e dove vivono la sorella Giuseppina Aslani-Cavalieri e i cugioni Alberto, Graziano e Gabriella Gaioni.

Ercole Cavalieri

A Cavalieri, pioniere della ricerca sulla prevenzione del cancro, si deve la scoperta del ruolo dei composti aromatici policiclici (presenti in tutti i tipi di fumo) e degli estrogeni nell’attivazione del meccanismo del cancro, in particolare i tumori al seno, alla prostata, alle ovaie, alla tiroide. Sempre a lui si deve la scoperta, quella della capcità di alcune sostanze, come il resveratrolo e la N-Acetilcisteina, di bloccare sul nascere il meccanismo perverso che può portare alla formazione delle neoplasie.

Dopo la laurea in chimica a Milano nel 1962 e un periodo di lavoro alla Recordati, il trasferimento in Canada a Montreal e poi negli Stati Uniti. Dopo la collaborazione col premio Nobel Melvin Calvin a Berkeley, nel 1971 – esattamente 50 anni fa – entrò alla facoltà dello Eppley Institute, University of Nebraska Medical Center. E lì Cavalieri condotto le sue ricerche, con centinaia disaggi e articoli scientifici, ininterrottamente sino al pensionamento avvenuto nel 2017. Cavalieri è stato i fondatore e direttore del Centro Intercampus per la salute ambientale e la tossicologia presso l’Università del Nebraska.

Ha dedicato il periodo conclusivo della sua carriera alla prevenzione dei tumori indotti dagli estrogeni: studi che lo hanno reso famoso in tutto il mondo e che oggi vengono confermati da nuove ricerche condotte in università e ospedali dell’Asia, dell’Europa e degli Stati Uniti.

Il suo ultimo saggio, scritto insieme a Eleanor Rogan – sua storica collaboratrice – è in corso di pubblicazione nell‘International Journal of Molecular Sciences.









Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *