Festival Emergency: Afghanistan, le donne vittime della guerra, cambiare la cura per vivere meglio
Il programma di Domenica 5: Marco Paolini, Telmo Pievani, simonetta Agnello Hornby

5/9/2021 – Afghanistan sempre in guerra, le donne vittime della guerra, la guerra vista dalla parte delle vittime: con questi temi si conclude oggi, domenica 5 aprile, il festival di Emergency “La Cura” , in corso a Reggio Emilia da venerdì. Intervengono – fra gli altri – Marco Paolini, il filosofo Telmo Pievani e la scrittrice Simonetta Agnello Hornby.

Gino Strada

IL PROGRAMMA DI DOMENICA 5 SETTEMBRE

ORE 7.30/9.30 – Una traversata urbana a cura degli Spicolatleti

Camminata di circa due ore per indagare la città di Reggio Emilia da una prospettiva insolita e “lenta”, con momenti di lettura sul tema della Cura

Ore 10,30/12 – Messaggi materici di pace, cura e sostenibilità per bambini e ragazzi. A cura di ReMida.

SEDE ANPI

Ore 11 – Presentazione della Graphic novel “Pugnali neri – Aenigma, il saltimbanco che beffò il fascismo”. cortile di palazzo Ancini. Con gli autori Raul Pantaleo e Mario Spallino.

PIAZZA CASOTTI

10 – Perchè l’Afghanistan è sempre in guerra? Con Giuliano Battiston

11 – Perchè le donne sono vittime di guerra? con Emanuela Zucalà

14 – Perché si attaccano le scuole e le strutture sanitarie? Con Laura Silvia Battaglia

15.20 – Cosa significa per un bambino vivere in Yemen? Con Laura Silvia Battaglia

PIAZZA PRAMPOLINI

Ore 11 – Esiste una questione di genere nella salute? Con Silvia De Francia e Simonetta Agnello Horny (in collegamento). Modera Marianna Aprile.

Ore 16 – LA CURA – Reimmaginare il ruolo della cura nella nostra vita quotidiana. Con Telmo Pievani, filosofo, e Marco Paolini, drammaturgo.

17,30 – Afghanistan20. Il progetto di Emergency che racconta 20 anni di guerra In Afghanistan dalla parte delle vittime. Con Giuliano Battiston, Marco Puntin (in collegamento da Kabul), Andrew Quilty, Alidad Shiri, con il contributo del fotografo Lorenzo Tugnoli. Conduce Giampaolo Musumeci.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *