Federico Parmeggiani (Alleanza 3.0, Librerie Coop) nel cda Seta per Reggio Emilia

22/9/2021 – L’avvocato e docente Federico Parmeggiani, membro del consiglio di amministrazione di Coop Alleanza 3.0 e presidente di Librerie Coop, è entrato nel cda di Seta (società del trasporto pubblico dei bacini di Modena, Reggio emilia e Piacenza) per conto dei Comuni del reggiano. La nomina da parte dell’assemblea dei soci Seta, riunito in videoconferenza, che ha proceduto al rinnovo del Consiglio di amministrazione, in sotituzione dell’organo amministrativo scaduto a luglio con l’approvazionedel bilancio d’esercizio 2020.

Il nuovo Cda SETA resterà in carica sino al 2023, ed è composto da 5 membri: 3 nominativi sono stati indicati dai soci pubblici, gli altri 2 dal socio privato Herm Srl.

Gli Enti pubblici modenesi hanno confermato come consigliere Antonio Nicolini, già presidente della società dal mese di novembre 2020. Gli altri due componenti del Cda di nomina pubblica sono, appunto, Federico Parmeggiani in rappresentaza di Reggio emilia , che sostituisce il consigliere uscente Daniele Caminati), e l’ex consigliere regionale FdI Fabio Callori (per i soci pubblici di Piacenza, in sostituzione di Ivano Rocchetta).

Federico Parmeggiani

Confermati anche i due consiglieri indicati da Herm: Giuseppina Gualtieri (presidente e a.d. Tper Spa) e Francesco Patrizi, che mantiene la carica di amministratore delegato di SETA.

Collegio sindacale: alla presidenza è stato nominato Valerio Fantini, sindaci effettivi Valentino Di Leva e Alessandra Ferrara, supplenti Federico Bacchiega e Monica Manzini. La nomina dei componenti il Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale è stata approvata dai soci con voto unanime.

“SETA ritiene che il trasporto pubblico possa e debba essere rilanciato – ha affermato il presidente Nicolini – attraverso una ripresa massiva degli investimenti, puntando sulla qualità del servizio, sulla piena sostenibilità ambientale e proseguendo su progetti di elevata innovazione, tecnologia e digitalizzazione”.

Be Sociable, Share!

11 risposte a Federico Parmeggiani (Alleanza 3.0, Librerie Coop) nel cda Seta per Reggio Emilia

  1. Steni Rispondi

    23/09/2021 alle 09:05

    Ma perché quando una persona ha già un ruolo di rilievo in un’azienda o in una istituzione, deve ricoprire anche altre cariche in altri enti con business completamente diversi?
    Ma come fanno ad avere il tempo per approfondire i problemi e curare per bene i loro ruoli nei diversi CdA?
    Ma davvero con tutte le persone preparate che ci sono, sottoutilizzate e sottopagate, non si trova nessun’altro?
    E poi a sinistra si chiedono perché le sezioni sono vuote e cala il consenso.

  2. Gino Latino Yo Rispondi

    23/09/2021 alle 09:43

    Il nuovo eletto reggiano, di mestiere mi sembra che faccia “quello che viene messo nei CDA”. È bravissimo.

    • Fausto Poli Rispondi

      23/09/2021 alle 15:49

      Eh cari lettori, le caste esistono. La CASTA, vedere nel vocabolario. Che poi se non sei uno di loro, empaticamente puoi solo andar a rastrellare la ghiaia nelle feste di partito. Devi essere un bravo portabl orse, consigliare il ponderabile, non far credere di essere più piu er piu tanto non comandi tu. Tu tu proprio tu, fringuello Belzebù. Scherzo. Però è verità sulle caste. Spero che sia chiaro.

  3. Fausto Poli Rispondi

    23/09/2021 alle 16:00

    Ciao.

  4. giosuè Rispondi

    24/09/2021 alle 17:08

    Il problema importante non sono il tempo disponibile e le qualità specifiche, ma l’appartenenza e l’abilità a muoversi come soffia il vento. I risultati e le idee sono un’altra cosa. Per questo i partiti perdono la fiducia dei cittadini.

    • Fausto Poli Rispondi

      24/09/2021 alle 20:33

      Caro Sig. Giosuè. Il problema non sta nell avere 35 nomine in cda di partecipate, il problema e che per i cittadini non abbiamo favori, cioè la becchiamo sempre in quel posto. Caro Giosuè, e una fatica terribile tenere in considerazione paladini politici che sfoggiano pipe fida intelketuali, mentre e solo scena.Fidet. E le propagande continuano copiose. Piove sul bagnato.

  5. Dino Rispondi

    25/09/2021 alle 19:00

    .. ma ha la pipa!! .. vuoi mettere!!!

  6. Maurizio moscatelli Rispondi

    26/09/2021 alle 06:58

    Non conosco avv. Parmeggiani per cui non giudico, però spero che si attivi rapidamente:
    1 promuovere un coordinamento tra orari scolastici e orari dei treni( es da san polo d’Enza a Reggio Emilia per iniziare la scuola alle 7,50 i ragazzi sono costretti a partire alle 6,26…e rimanere in un bar 40 minuti ad aspettare apertura della scuola….)
    2 passaggio a livello della reggio-Canossa molte volte rimangono bloccati x 5-10 minuti e tutti fermi ad aspettare il passaggio del treno…. anno 2021 o sbaglio…siamo agli inizi degli anni 60???

    • Fausto Poli Rispondi

      26/09/2021 alle 11:03

      Se non fosse che i cittadini erogano allo stato politico tasse. E perciò, pipa o non pipa, occorre che i guadagni dei guadagni delle tasse vadano a posizionarsi la dove si deve fare. Fare visto come riaffiorare,riammodernare, abbassare tasse, ponderare, valutare, controllare,seguire.

    • Kafka Rispondi

      26/09/2021 alle 14:03

      Giacché non ci interessa degli incarichi che si implementano, grazie a caste ti date e dorate, ci possono interessare i soldi in tasse spesi che anche loro si sono implementati ma non hanno trovato un posizionamento per i servizi ai cittadini.

  7. Kafka Rispondi

    26/09/2021 alle 22:00

    Vorrei ribadire questo concetto che mi preme sottolineare. Nonostante la casta popolosa di introdottimnellomschemampolitico, nonostante ciò, la forbice tra potere di acquisto dei cittadini e di queste categorie e notevolmente allargato e lacerato. Ora sulle reti tv di Stato si paventa un aumento delle tasse, ma ricordo che da decenni le tasse hanno portato nuovi profitti, reinvestiti e quindi nuovi profitti che si implementano. E allora aumentino le tasse e noi saremo vacche da mungere fino a quando il latte finirà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *