Ex-Reggiane, via allo sgombero: zona circondata
da centinaia di agenti e carabinieri
Trasferite decine di persone, squadre al lavoro per murare gli ingressi

10/9/2021 – E’ cominciato all’alba lo sgombero delle ex-Reggiane. Una vasta operazione è in corso nella zona: via Agosti è bloccata, il complesso industriale in abbandono e diventato da anni centro dello spaccio di droga in città, oltre che di clandestini, sbandati e senza tetto, è circondato da uno spiegamento eccezionale di centinaia di operatori di Polizia, Carabinieri, guardia di Finanza, Polizia locale che sorveglia lestrade e piazzaleEuropa. Bloccati anche tutti gli altri varchi di accesso, con auto della polizia locale che chiudono le strade e presidiano piazzale Europa. In azione anche i Vigili del fuoco, squadre in tuta sanitaria per prevenire il contagio da Covid e le imprese edili incaricate di murare ingressi e finestre dei numerosi edifici. La prima ad essere sigillato è la storica palazzina della direzione.

A metà giornata decine di persone erano state trasferite nella nuove sistemazioni, in appartamenti gestiti dalle cooperative sociali. Si parla di una sessantina di individui, forse più, ma va considerato che tra ieri e la notte in molti avevevano giù lasciato le ex-Reggiane. Rimangono da convincere una decina di persone, che comunque devono uscire dall’area di via Agosti.

La storica palazzina della direzione Omi Reggiane

L’operazione, preparata nei minimi particolari da giorni, è stata imposta in termini perentori dal prefetto Iolanda Rolli, dopo le proteste dei residenti, le pressioni del mondo politico e interventi a livello di ministero degli Interni, e attua le disposizioni scaturite dall’ultima riunione del Comitato provinciale rdine e sicurezza pubblica. L’arresto dei nove spacciatori di piazzale Europa, avvenuto ieri, ha comunque assottigliato il numero degli “inquilini” recalcitranti, che resistono al trasferimento.

L’operazione, preparata nei minimi particolari da giorni, è stata imposta di fatto in termini perentori dal prefetto Iolanda Rolli, dopo le proteste dei residenti e le pressioni del mondo politico anche sul governo, e attua le disposizioni scaturite dall’ultima riunione del Comitato provinciale rdine e sicurezza pubblica. Con i nove spacciatori arrestati ieri dalla Polizia, comunque, si è notevolmente assottigliato il numero degli “inquilini” recalcitranti, che preferivano le ex-Reggiane a una sistemazione più dignitosa.

Polizia alle ex- Reggiane

Lo sgombero era stato anticipato nei giorni scorsi da Reggio Report, e ieri mattina il Questore ferrari, nel corso della conferenza stampa sull’operazione sugli arresti dergli spacciatori di piazzale europa, aveva detto apertamente che “il momento è vicino”. Sempre ieri il senatore Aimi, di Forza Italia era tornato a chiedere lo sgombero immediato dell’ area. La conferenza stampa della Lega convocata per le 11,30 è stata spostata da via agosti all’ingresso del Tecnopolo.

Ditte al lavoro dentro le ex.Reggiane

Be Sociable, Share!

3 risposte a Ex-Reggiane, via allo sgombero: zona circondata
da centinaia di agenti e carabinieri
Trasferite decine di persone, squadre al lavoro per murare gli ingressi

  1. Giuseppe Rispondi

    10/09/2021 alle 11:18

    A quando l’abbattimento dei fabbricati?

  2. Transazione ecologica Rispondi

    10/09/2021 alle 13:22

    Andrebbero trasferiti alla Sala Del Tricolore…

  3. fausto poli Rispondi

    20/09/2021 alle 15:08

    Mah. Ai Democristiani, indomiti,banchieri, posso solo augurare un cambio di idee. Se predicano bianco e fanno blu, allora sono i soliti democristiani di 45 anni fa. La democrazia solo per la casta. Salari al ribasso e delinquenti che proliferano come serpi piene di veleno mai scaricato. Ci troviamo di fronte a cittadini che viaggiano a 2 velocità. TRA consiglieri e amministratori,che si vogliono imporre, a Reggio Emilia chi vuole progredire e costretto a spostare i propri affari altrove. Che non a tutti piace diventare cliente lista. Bene, cioè molto male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *