Quando Reggio era “importante per tutto”
Chat Palamara: nuova inchiesta disciplinare per l’ex procuratore Mescolini

20/8/2021 – Il Procuratore Generale della Cassazione Giovanni Salvi ha notificato l’apertura del procedimento disciplinare nei confronti dell’ex Procuratore di Reggio Emilia, Marco Mescolini rimosso per incompatibilità ambientale con voto unanime del plenum del Csm il 22 febbraio scorso, per il “discredito” gettato sulla Procura reggiana a causa delle famigerate chat con Palamara e della sua vicinanza al Pd, o comunque per la percezione generata in tal senso nell’opinione pubblica, e non solo: il procedimento al Csm, del resto, era stato promosso da un esposto di quattro magistrate del suo ufficio.

Mescolini il giorno dell’insediamento alla Procura di Reggio

Fra le contestazioni mosse all’ex procuratore, anche le pressioni per spostare a dopo le elezioni le perquisizioni a palazzo Civico, o non iscrivere nel registro degli indagati il sindaco Luca Vecchi (che alla fine, invece, risulta indagato nell’inchiesta nomine e appalti del comune di Reggio). Ma sul piatto, per contro, vanno aggiunte le persecuzioni nei confronti di due esponenti del centro destra, come Giuseppe Pagliani (già numero uno del Popolo della Liberà a Reggio) e l’ex assessore di Parma Giovanni Paolo Bernini, che sulla sua vicenda giudiziaria in Aemilia ha scritto il libro “Storie di ordinaria ingiustizia”.

Mescolini ora è alla Procura di Firenze, in attesa del pronunciamento del Tar del Lazio sul suo ricorso avverso la sentenza del Csm.

Nel frattempo non è affatto chiusa e neppure dorme la vicenda dello scambio frenetico di Whatsapp fa Mescolini e Palamara, registrati dalla Procura di Perugia e nei quali il pm del processo Aemilia contro la ndrangheta al Nord premeva sul “Re di Roma” per ottenere la nomina a Reggio Emilia (“Reggio è importante per tutto“).

La notifica del procedimento aperto dal Pg dalla cassazione, secondo la Costituzione titolare dell’azione disciplinare nei confronti nei magistrati, risalirebbe a inizio estate, ma a dare la notizia è il quotidiano La Verità nell’edizione di oggi, con un articolo di Giacomo Amadori.

La decisione di Salvi sarebbe in relazione non solo a una sorta di “campagna elettorale” sia pur insistente, e verso la quale lo stesso Pg aveva enunciato a suo tempo una singolare comprensione, bensì a una partecipazione diretta di Mescolini alla stesura della sua proposta di nomina. “Ti ho fatto mail con alcune idee per il parere plenum – chatta a un certo punto – d’ora in poi sto zitto e aspetto. Grazie“.

La Verità scrive c+in proposito che “per Salvi l’intervento di Mescolini nella stesura della proposta sarebbe confermato da quanto scritto da Palamara al magistrato segretario Marco Ghionni.

Palamara: “Marco ti ricordi motivazione Mescolini?”.

Ghionni: “Già mandato file vecchio e nota che mi hai girato tu”.

Palamara: “Ok. Appena pronte me la fai vedere”.

Luca Palamara da Giletti

Per il Procuratore Generale, in tale modo Mescolini avrebbe teso “a sottrarsi alla valutazione imparziale e indipendente da parte del Csm circa la scelta del candidato più idoneo… attraverso pressioni esercitate sul dottor Palamara … con corrispondente rilevante pregiudizio degli altri aspiranti”. In particolare il dottor D’Avino, candidato alla Procura reggiana ritenuto con curriculum superiore a quello di Mescolini, ma alla fine dirottato sulla Procura di Parma per spianare la strada al magistrato di Aemilia sostenuto apertamente dal Pd.

La domanda tuttavia sorge spontanea, e la Verità la rivolge direttamente a Luca Palamara: “Perchè l’azione disciplinare nei confronti di Mescolini è stata avviata con tanto ritardo rispetto a molti altri casi?“. L’ex Re di Roma, cacciato dalla magistratura, in proposito ha un’opinione ben precisa: “La notifica a me è stata un pro forma. Volevano processare Mescolini da solo. E’ molto chiara la finalità di fargli il disciplinare senza la mia presenza. Posso immaginare l’imbarazzo di chi avrebbe dovuto sostenere l’accusa avendo praticato con me gli stessi comportamenti contestati a Mescolini”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *