Montino-Cirinnà, quel caveau nella cuccia del cane
Il ricco figo è progressista

DI DARIO CASELLI


31/8/2021 – E’ ovvio che per essere di sinistra non occorre essere poveri. Anche se quando troppi dirigenti del Pd sono benestanti, uno comincia a chiedersi cosa significhi essere di sinistra.

Procediamo per gradi: in questa estate “strana” abbiamo letto sulla stampa borghese che la tessera numero uno del Pd, Carlo De Benedetti, ha una barca da 62 milioni di euro e supponiamo pure una barca di soldi. Che ha più volte ospitato il giornalista “rivoluzionario” Gad Lerner e quest’anno pure Lilli Gruber, giornalista, ex deputata del Pd e ossessionata da Salvini. Crediamo con ragione, visto che al Bilderberg non ammetterebbero mai uno che dichiara la crisi di governo in una discoteca da spiaggia, sudato e a torso nudo, troppo populista, persino troppo popolare.

Satira da Facebook

Infine la scatenata sostenitrice del Ddl Zan, la senatrice Cirinnà, col marito Montino, pure lui esponente di spicco del Pd: più che la vicenda del cane che dormiva in un piccolo caveau, colpisce l’entità dei beni della famiglia, che ripetiamo non è un reato, ma spiega bene l’interesse per i diritti della zona delle mutande e il disinteresse per quelli del lavoro e sociali. Si può essere ricchi e di sinistra, ma è difficile che i ricchi capiscano i problemi dei poveri, compresi quelli degli immigrati, quando al massimo di immigrati conoscono i loro domestici filippini.

Del resto la senatrice Cirinnà ci spiega di essersi trovata nei pasticci a causa delle improvvise dimissioni della cameriera e ora le tocca cucinare e fare di bucato, speriamo con la lavatrice. Come se milioni di “normali” donne italiane passassero il loro tempo a dibattere di transessuali e solo dopo l’addio della cameriera si occupassero della casa, magari con l’aiuto del marito. Non tutti gli uomini debbono gestire tenute a Capalbio, noblesse oblige, appartamenti a Roma, ecc…

La nostra sciura Monica, ci permetta di chiamarla affettuosamente così, ha un’idea del lavoro quotidiano da borghese di altri tempi, quelli in cui si andava a teatro in carrozza. Il che ovviamente non esclude che la coppia abbia l’autista, magari pagato da noi, come i loro stipendi di sindaco e senatrice. Però, che ingrata la cameriera tuttofare che si è licenziata, nonostante la coppia l’avesse messa in regola, anziché pagarla poco e in nero, facendola dormire nella cuccia del cane, magari non quella del tesoretto, altrimenti il cane avrebbe perso lo status di ricco e sarebbe magari diventato di destra.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. L'Eretico Rispondi

    31/08/2021 alle 21:47

    Ho 60 anni. Possibile che debba ancora credere che si trovino 24.000 euro nella cuccia del cane e i proprietari non sapevano niente?

    Anni fa c’è stato un on.le di Forza Italia (non ricordo il nome) che non sapeva che gli avevano intestato delle proprietà immobiliari, frutto di tangenti. Lui non sapeva nulla.

    Questi cadono dalle nuvole quando trovano 24.000 euro nella cuccia del loro cane (non del mio).

    Abbiamo deputati, senatori e sindaci (volutamente con lettera minuscola) che non sanno dove hanno i soldi. Figuratevi come amministrano la roba pubblica!

    Aspettiamoci i Talebani da un momento all’altro!
    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *