Demolizione ex-Reggiane, Eboli: ora fare presto
“Insisto: intervenga l’esercito”

DI MARCO EBOLI*

27/8/2021 – La decisione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza sotto l’impulso del Prefetto Rolli, ha partorito alcuni impegni, da parte del Comune e delle forze di Polizia che solo il breve periodo – in quanto non si può più aspettare, come sollecitato dal Comitato di S. Croce e da Fdi – potrà confermare.

Penso che la telefonata del Vice-Presidente del gruppo di Fdi alla Camera Foti, al Prefetto Rolli, per accelerare la soluzione incancrenita nella zona ex-Reggiane e Piazzale Europa, abbia sortito un primo effetto: la promessa accelerazione della soluzione definitiva.

Sulla predisposizione di un nuovo cronoprogramma da parte del Comune, per l’abbattimento o tamponamento degli edifici occupati illegalmente da extracomunitari e base di spaccio di trafficanti di droga, Fdi vigilerà attentamente.

Se è previsto, da lunedì prossimo, l’abbattimento dei capannoni abbandonati sarebbe interessante sapere quando lo saranno quelli ancora occupati. Il tamponamento degli edifici è un provvedimento che non garantisce la soluzione, in quanto con picconi, chi volesse potrebbe riaprirne le vie di accesso

Interni delle ex Reggiane

Sulle operazioni di abbattimento degli edifici, ad opera della società comunale Stu Reggiane, penso potrebbe essere utile l’affiancamento del Genio pontieri e guastatori dell’esercito, con base nella vicina Piacenza, se il Prefetto Rolli volesse chiederne l’intervento.

Una questione non trattata, nel documento diramato a seguito del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, è come e quando e con quali interventi, si intende estirpare definitivamente la mala pianta dello spaccio di droga, di cui le ex Reggiane sono base inviolabile e lo spaccio nel vicino Piazzale Europa. Come chiesto dal Comitato della zona, e da me condiviso, l’intervento dell’esercizio, in affiancamento alle forze di polizia consentirebbe una rapida soluzione del problema. 

*Portavoce Fratelli d’Italia Comune di Reggio Emilia 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *