Saman , il fidanzato in tribunale a Reggio: “Dirò tutto quello che so”
“Spero ancora che lei sia viva”

23/7/2021 – “Ho ancora la speranza che Saman sia viva. Sono un po’ agitato, ma sono pronto a raccontare tutto quello che so”. Lo ha detto fuori dal tribunale di Reggio Emilia a pochi minuti dall’inizio dell’incidente probatorio al quale questa mattina è stato sottoposto come
testimone il giovane pakistano di 21 anni fidanzato connazionale Saman Abbas, la ragazza di 18 anni scomparsa da oltre due mesi e che si presume essere stata ammazzata dalla famiglia a Novellara.

Saman Abbas

l giovane è riuscito a dire poche parole, poi la commozione ha preso il sopravvento. A quel punto l’avvocato che lo tutela, Claudio Falleti, ha preso la parola: “Il suo stato d’animo è comprensibile per il dolore che si porta dentro il ragazzo. Oggi è un giorno importante per cristallizzare la sua testimonianza e raccontare quello che ha sempre detto finora”.

“La nostra richiesta principale – ha aggiunto il legale – è chiedere al Pakistan di cooperare anche per proteggere la famiglia del ragazzo in patria. Il mio scopo è portare i genitori in Italia per farli stare piu tranquilli”. La famiglia del fidanzato aveva ricevuto minacce dagli Abbas affinchè il ragazzo lasciasse Saman.

Sono cinque le persone accusate dell’ omicidio premeditato di Saman: i genitori, fuggiti in Pakistan nel distretto di Lahore poche ore dopo la scomparsa della figlia; lo zio Danish Hasnain, ritenuto l’autore materiale del delitto, fuggitivo in Europa; e due cugini uno dei quali, Ikram Jiaz , è l’unico in carcere.

Saman voleva sposarsi con il ragazzo: quando è uscita dalla comunità dove si rtovava da mesi sotto protezione, era andata da lui per alcuni giorni, prima di tornare in famiglia con l’intenzione di recuperare i suoi documenti. Documenti che in realtà non avrebbe mai ottenuto, mentre alla mezzanottedel 1° mggio i genitorila consegnarono allo zio Danish. Uscirono di casa con lei, e tornarono senza di lei. Poi il padre tornò a recuperare il suo zainetto dallo zio.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *