Dov’è Saman ?
Incidente probatorio: il fidanzato della ragazza pakistana convocato in Tribunale a Reggio

13/7/2021 – È stato fissato per venerdì 23 luglio alle 10 in tribunale a Reggio Emilia, l’incidente probatorio per “cristallizzare” la testimonianza del fidanzato di Saman Abbas, la 18enne pachistana scomparsa la notte del 1° Maggio e che si ritiene sia stata assassinata dal clan famigliare a Novellara Il giovane pachistano (assistito dall’avvocato Claudio Falleti del Foro di Alessandria) era inviso alla famiglia della ragazza e ha raccontato le minacce e le pressioni ricevute da parte degli Abbas (anche nei confronti dei suoi genitori in patria) affinché lasciasse Saman.

Ieri, dopo 67 giorni, sono state interrotte le ricerche della giovane, promessa a un cugino in Pakistan per un matrimonio forzato, al quale si è rifiutata al punto da denunciare i genitori e da restare per mesi sotto protezione in una comunità sino a quando in aprile non ha fatto rientro in famiglia per recuperare i suoi documenti.

La casa dove vivevano i Saman a Novellara

Saman e il suo fidanzato, stando al racconto di lui, avevano pianificato una fuga i primi di maggio per poi sposarsi. Ma poco dopo la mezzanotte del primo maggio della si sono perse le tracce della ragazza. Sono 5 le persone indagate dalla Procura di Reggio Emilia : lo zio Danish Hasnain – ritenuto l’esecutore materiale del delitto – due cugini (di cui uno, Ikram Ijaz è in carcere, mentre l’altro è ricercato in tutta Europa assieme allo zio) e i genitori latitanti in Pakistan: è stata attivata una rogatoria internazionale con la repubblica islamica per la cattura volta all’estradizione. Sono tutti accusati in concorso di omicidio premeditato aggravato, sequestro di persona e occultamento di cadavere.

29 apròle: Lo zio e i cugini di Saman vanno nelle serre con due pale e un piede di porco
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *