Via Emilia via della droga
Operazione Trexit, altri 5 arresti per traffico di cocaina e hascisc tra Reggio e Modena

Nuovi sviluppi dell’indagine Trexit contro traffico di droga, in particolare di cocaina e marijuana. La Squadra Mobile di ReggioEmilia, supportata dalle Mobili di Bologna e di Fermo, ha dato esecuzione a cinque misure cautelari in carcere a carico di quattro marocchini e un albanese, emesse dal Gip del tribunale di Modena su richiesta della Procura della Repubblica della Ghirlandina.

L’attività scaturisce da un’indagine avviata nel 2017 dalla Procuradella Repubblica di Reggio Emilia, che aveva consentito di soprire un vasto traffico di cocaina e marijuana. Il 12 neggaioscorso la Polizia ha dato esecuzione a una prima tranche di 29 misure cautelari detentive emesse dal gip di Bologna, in ordine al reato di associazione a delinquere, anche transnazionale, finalizzta al narcotraffico e dal Gip del Tribunale di Reggio Emilia.

Tra i destinatari della misura cautelare odierna, in particolare, figura H. J. di 33 anni domiciliato a Rubiera, il cui monitoraggio ha dato il via alle indagini. Infatti, seguendola sua attività illecita, la Squadra Mobile reggiana aveva scoperto l’esistenza di tre strutturate organizzazioni criminali operanti sulla via Emilia a cavallo tra le città di Reggio e di Modena.

I destinatari delle cinque misure detentive eseguite oggi, in particolare sono gravemente indiziati di avere avuto rapporti stabili e non occasionali con le associazioni adelinquenre investigate.

In particolare;

  • tre cittadini marocchini sonogravemente indiziati di avere acquistato, un periodo ristrettodi tempo, significativi quantitativi di cocaina dalle associazioni criminali investigate;
  • un cittadino albanese è gravemente indiziato di averceduto, in almeno in una circostanza, un quoantitativo di cocaina non inferiore al chilo, consegnata con l’utilizzo di un’autovettura dotata di vano segreto ad apertura elettrica -mrealizzato da qualche officina compiacente – e utilizzato i per nascondere lo stupefacente;
  • – un cittadino marocchino è gravemente indiziato di aver ceduto 6,5 chili di hascisc.
Il capo della Mobile Guglielmo Battisti e il questore di Reggio Emilia, Ferrari

Nel corso dell’operazione, già oggetto diversi stralci operativi e giudiziari, la Polizia di Stato ha arrestatocomplessivamente 130 persone e sequestrato 301 kg di hascisc, 24,7 chili di cocaina, 2,1 chili di eroina, 31 chili di marjuana, 4 pistole detenute illegalmente, 192 mila euro in contanti e sette auto munite di doppio fondo segreto, di cui 3 già assegnate alla Squadra Mobile di Reggio perilservizio di contrastoaltraffico di droga.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *