Dov’è Saman?
Mappate oltre 100 anomalie nel terreno
Ricerche estese alla zona di una vecchia porcilaia

30/6/2021 – Eccezionale spiegamento di forze,questa mattina nelle campagne di Novellara dove sono in corso, finora senza esito, le ricerche dei resti di Saman Abbas, la diciottenne pakistana scomparsa la notte del 1° maggio.

Saman Abbas

Sul posto dall’alba sino alla tarda mattinata sono impegnati i carabinieri della compagnia di Guastalla, i carabinieri forestali del gruppo di Reggio Emilia e, come sempre, le unità cinofile di Bologna. Si prepara una fase ancora più intensa delle indagini sul campo. Sono oltre cento le anomalie nel terreno, dalle più piccole alle più “significative”, rilevate in questi giorni dall’elettromagnetometro: sono state tutte mappate e ora si procederà a perforazioni più ampie e “invasive” della precedenti, grazie alla disponibilità di una ditta di escavazioni della zona. e come già avvenuto, in caso di riscontri (cioè di individuazione di materiali sepolti) si procederà con le escavazioni vere e proprie. I carotaggi, è noto, sono necessari per agevolare il lavoro dei cani molecolari, che a causa delle sostanze chimiche del terreno altrimenti non riuscirebbero a individuare tracce umane.

Intanto i Carabinieri stanno allargando i raggio delle ricerche: oltre al boschetto in parte passato al setaccio già ieri, in queste ore ispezionano anche l’area esterna di una seconda porciliaia dismessa, distante non meno di un chilometro dall’azienda agricola. Una decisione che probabilmente a a che fare col calcolo dei tempi delle tre persone (lo zio di Saman, Danish Hasnain, e i due cugini) registrate la sera del 30 aprile mentre uscivano con le pale e un piede di porco, per fare rientro cifca due ore e mezza più tardi.

Nella giornata di domani saranno completate le operazioni di scopertura di tutte le serre dell’azienda agricola Bartoli, in modo da poter completare tutte le verifiche nei giorni successivi, in analogia a quando già fatto sino ad oggi.

Qq

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *