La sua grossa grassa liquidazione
Bianco lascia Iren: l’ex a.d. riceverà 889 mila euro più un anno di stipendio
Totale 1,3 mln con la benedizione dei sindaci

29/5/2021 – Da oggi 29 maggio Massimiliano Bianco non è più amministratore delegato di Iren. Il manager ha lasciato anche la carica di direttore generale del gruppo controllato dai Comuni di Genova, torino, Reggio emilia, Piacenza e Parma. Resta come dirigente sino al 30 novembre per “assicurare ungraduale passaggio di consegne”. Per sei anni e mezzo di lavoro, Bianco riceverà una buonuscita complessiva di 889.000 mila euro (ottocentottantanovemila) al quale va aggiunto lo stipendio di un anno con annessi incentivi.

Massimiliano Bianco

Lo ha reso noto Iren Spa con un comunicato diffuso oggi, relativo allo “scioglimento consensuale del rapporto con la Società”, In base a tale accordo “il dottor Bianco ha rinunciato, con effetto al 29 maggio 2021 alle cariche di Consigliere, Amministratore Delegato e Direttore Generale nonché ad ogni delega e potere conferitigli. L’accordo prevede, oltre a quanto sopra, che il rapporto di lavoro quale Dirigente prosegua fino al 30 novembre 2021 alle condizioni economiche vigenti (salvo eventuale cessazione anticipata su richiesta del dottor Bianco), al fine di assicurare un graduale passaggio di consegne interno”.

La transazione prevede ” il riconoscimento di una somma di euro  889.134 lordi, che comprende

  • 12 mensilità come indennità di fine del rapporto di lavoro come dirigente;
  • le mensilità mancanti fino al termine originariamente previsto del predetto rapporto di lavoro, come da legge e contratto collettivo nazionale di lavoro;
  • un compenso per rinunce a vario titolo.

Non è tutto. Ai suddetti importi – specifica la nota – “si aggiungeranno il compenso annuo previsto per la carica di Amministratore Delegato (in conformità a quanto stabilito dall’Assemblea dei Soci in data 22 maggio 2019), quelli per incentivazione a breve e a lungo termine in base ai risultati raggiunti, importi che verranno rendicontati nella Relazione sulla politica in materia di remunerazione 2022 e sui compensi corrisposti 2021″. Nel 2020, Bianco aveva ricevuto  329.000 euro di stipendi, cui si sono aggiunti 104.000 euro di bonus e incentivi. In definitiva, l’ex a.d. dovrebbe ricevere una somma lorda totale di circa 1 milione 300 mila euro.

L’accordo ha ricevuto la benedizione dei sindaci del Patto di sindacato (Bucci di Genova, Vecchi di Reggio e Chiara Appendino di Torino) che hanno espresso un sentito ringraziamento a Massimiliano Bianco “a titolo personale e in rappresentanza degli azionisti di controllo”, per il lavoro svolto in Iren.

Formuliamo a Massimiliano Bianco i migliori auguri per il suo futuro professionale e personale- hanno dichiarato – Bianco ha contribuito in maniera determinante alla crescita e alla trasformazione di Iren. Sotto la sua guida, il Gruppo ha conseguito eccellenti risultati economico-finanziari e, soprattutto, ha saputo interpretare con successo e da protagonista le profonde trasformazioni che hanno interessato e stanno interessando il settore energetico-ambientale e dei servizi pubblici locali. Da parte nostra, un sentito ringraziamento per il senso di appartenenza dimostrato nei confronti dell’azienda, per le sfide che ha saputo raccogliere con estrema professionalità e per la continua vicinanza alle necessità dei territori presidiati dalla Società. L’importante lavoro svolto in questi anni permetterà di avviare un nuovo ciclo pluriennale di crescita del Gruppo“.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. valeria manini Rispondi

    30/05/2021 alle 15:33

    non si vergogna neppure un poco?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *