Affare Ferrarini: tribunale di Reggio o tribunale di Bologna?
Decide la Corte di Cassazione

17/5/2021 – Affare Ferrarini: domani, martedì, la Corte di Cassazione, affronterà il n odo del concordato del gruppo di Rivaltella, conteso tra le cordate Pini Amco e Bonterre. La Suprema Corte dovrà stabilire se la procedura di concordato preventivo del Gruppo Ferrarini – la società reggiana leader nella produzione di salumi – dovrà proseguire davanti al tribunale di Reggio Emilia o davanti al tribunale di Bologna.
“L’importante – sottolinea in una nota Sido Bonfatti, consulente legale del gruppo dei prosciutti – è superare questa
situazione di stallo, per potere rapidamente procedere alla consultazione dei creditori e poi al lancio di un piano di
investimenti: la attività della società ha continuato ad andare bene anche durante questo lungo periodo di concordato, ma indubbiamente tutti saranno più sereni e più agili nella operatività quotidiana quando la procedura risulterà chiusa e superata”.
Due, come detto, le cordate che hanno presentato una proposta per assumere il controllo del gruppo Ferrarini:
da una parte Pini Holding con la bad bank Amco del ministero delle Finanze, e dall’altra il Gruppo Bonterre – Grandi Salumifici Italiani – con Opas (sostenuti da Banca Intesa San Paolo e Unicredit).

Luca Ferrarini

Il piano di ristrutturazione depositato presso il tribunale di Bologna prevede che all’esito dell’omologazione del concordato subentri nel capitale il gruppo Pini, primo gruppo italiano nella trasformazione di carni suine italiane, con Amco in veste di finanziatore.
“A questa udienza la Cassazione prenderà atto delle memorie scritte depositate dalle parti – aggiunge Bonfatti – Probabilmente la decisione non sarà immediata, ma dovrebbe essere assunta nel giro di pochi giorni. Ci sono dubbi
sull’interpretazione di una norma della nuova legge fallimentare che riguarda le grandi imprese che fossero già in
Amministrazione Straordinaria, mentre Ferrarini ovviamente non lo è. Ferrarini farà quello che deciderà la Cassazione:
fino ad oggi ha collaborato in totale sintonia sia col tribunale di Reggio Emilia, per la prima proposta, sia con il tribunale di Bologna, per la seconda proposta”.

 Y7G-AG 

17-MAG-21 18:04 NNNN

Be Sociable, Share!

2 risposte a Affare Ferrarini: tribunale di Reggio o tribunale di Bologna?
Decide la Corte di Cassazione

  1. Alessandro Costi Rispondi

    19/05/2021 alle 15:40

    Il commissario giudiziale Franco Cadoppi ha scritto nella sua relazione firmata per l’adunanza dei creditori Vismara: “Private e avventate operazioni finanziarie”, “disordinati intrecci di garanzie”, “crescente opacità di comportamenti” “comportamenti finalizzati esclusivamente a rappresentare una situazione falsa”… e in tutto questo la magistratura di Reggio che fa??? Se io metto sotto uno con la macchina, mi tolgono la patente e finisco magari in galera, qui, invece, tutti i responsabili del dissesto sono rimasti al timone, e persino invitati in tv e a fare streaming. DOMANDA:MA CHE RAZZA DI PAESE E’ QUESTO? E la magistratura di Reggio? C’è un motivo per cui i Ferrarini preferiscono discutere il concordato a Reggio e non a Bologna? I 1600 creditori che da tre anni aspettano i loro soldi quando avranno giustizia???

  2. giosué Rispondi

    20/05/2021 alle 16:24

    E’ vero che nel concordato non è più richiesta la meritevolezza dell’imprenditore, ma quando è troppo è troppo !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *