Truffe on line con riciclaggio in carte prepagate: il giro di tre catanesi scoperto dai Carabinieri di Correggio

7/4/2021 – I carabinieri di Correggio hanno ricostruito un giro malavitoso con introiti per decine di migliaia di euro provento di truffe online di vendite fantasma di autoricambi e cellulari. Colpivano in tutte le province italiane compresa quella di Reggio Emilia.

L’escamotage era sempre lo stesso: inserzioni esca sui siti di annunci dove venivano messi in vendita prevalentemente autoricambi o smartphone, che poi non venivano spediti all’acquirente che rimaneva truffato. Gli introiti delle truffe indirizzati alla carta prepagata ”madre” venivano poi riciclati attraverso la ricarica di altre carte prepagate intestate a terze persone compiacenti, e talvolta a parenti estranei a tali condotte truffaldine. In questo modo una decina di persone sono state raggirate dalla banda che ha introitato in circa un mese oltre 10.000 euro grazie alle vendite fantasma di autoricambi e smartphone, di mezzi ed attrezzi agricoli.

A scoprirlo i carabinieri della stazione di Correggio che al termine di un’ attività investigativa anche di natura telematica hanno denunciato alla competente Procura della Repubblica tre siciliani, tutti con precedenti di polizia anche specifici. Si tratta di un 39enne di Mascali (provincia di Catania) autore materiale delle truffe portate a compimento con un telefono avente schede fittiziamente intestata ala complice, una 42enne di Riposto (CT), e un 39enne sempre di Riposto intestatario della carta prepagata ”madre” che curava di smistare gli introiti delle truffe a carte prepagate ”pulite”.

I tre sono tutti accusati a vario titolo di concorso in truffa aggravata e riciclaggio commessi nell’intero territorio nazionale per le cui ipotesi di reato sono stati denunciati alla Procura reggiana.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *