Anche un drone per scovare il maniaco
Parco Caprette, il Prefetto ordina piano straordinario

30/4/2021 – Sarà impiegato anche un drone per dare la caccia al violentatore che in poco tempo ha molestato e aggredito almeno quattro donne nella zona del parco delle Caprette, sul Lungo Crostolo di Reggio Emilia. E’ una delle decisioni assunte questa mattina in un vertice delle forze dell’ordine convocato dal prefetto Iolanda Rolli, che ha chiesto “un’azione forte, coordinata tra polizia di Stato, Carabinieri, guardia di Finanza e Polizia Municipale”.

Al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica erano presenti oltre ai responsabili provinciali delle forze dell’ordine, il Sindaco Luca Vecchi e il Presidente della provincia Giorgio Zanni accompagnato dal comandante della polizia provinciale.

“Reggio Emilia è una città sicura e voglio che la sicurezza sia garantita in ogni momento, a beneficio di tutti” ha detto il prefetto Rolli, che ha chiesto anche un rapporto dettagliato sugli interventi effettuati in questi ultimi giorni”, da quale peraltgro “è emerso l’alto livello di controllo già in corso”.

“Pochi giorni fa, sono accaduti alcuni episodi gravissimi, ha aggiunto il prefetto, e la nostra risposta è stata immediata”.

“Fin da subito, appreso quello che era accaduto il questore ha disposto un’ulteriore intensificazione dei controlli, sottolinea il prefetto, e oggi è stato deciso di mettere a sistema un intervento ancora più coordinato, sinergico e calibrato, per garantire la massima sicurezza anche in termini di prevenzione. Si tratta di un piano che coinvolge forze di polizia statuali e locali per un’attività ancora più robusta, soprattutto in quell’area della città”.

Ai servizi mirati e intensificati in determinate fasce orarie, coordinati tra polizia di stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale contribuiranno anche i carabinieri forestali e la polizia provinciale che metterà a disposizione un drone con un proprio operatore abilitato che controllerà dall’alto l’area che è lunga 15 km.

Inoltre il prefetto ha concordato con il Comune l’avvio di un’analisi tecnica per un piano di videosorveglianza della vasta zona verde. sarà un tavolo tecnico istituito in Questura a mettere mano già nelle prossime ore al piano per la sicurezza del Lungo Crostolo.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Rima Rispondi

    01/05/2021 alle 15:34

    Un drone per un sandrone..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *