25 aprile a Casa Cervi
Maratona in streaming con videomessaggio del premier Draghi
Don Ciotti, Vauro, Elly Schlein, Cisco, Alberto Bertoli, Gang

24/4/2021 – Con le limitazioni della pandemia che non consentono di organizzare la tradizionale festa del 25 aprile a Casa Cervi, uno dei luoghi dal più alto valore simbolico della Resistenza Italiana, nella pianura reggiana, a Gattatico, è in programma una lunga diretta streaming nella giornata di domenica, dalle 11 alle 19.
    Fra gli ospiti il presidente del Consiglio Mario Draghi che invierà un videomessaggio.

Il trattore dei Cervi e il mappamondo comprato da Aldo, il fratello maggiore


    La casa dove abitavano i sette fratelli partigiani fucilati dai fascisti insieme a Quarto Camurri il 28 dicembre 1943 è diventata un centro di documentazione, e il 25 aprile è meta di moltissime persone. Come era avvenuto l’anno scorso, tuttavia, l’iniziativa si trasferisce totalmente sul web.
    Fra gli ospiti già annunciati don Luigi Ciotti, Vauro, Diego Bianchi, la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein, il presidente dell’Anpi Gianfranco Pagliarulo. Fra i musicisti, invece, si esibiranno Cisco, Alberto Bertoli e i Gang.

MOSTRA TEMPORANEA IN PIAZZA A GATTATICO

In piazza Cervi a Praticello di Gattatico, è in corso sino al 30 aprile la mostra “Dopo un racconto ne viene un altro” dedicata ai Sette Fratelli Cervi, realizzata dal comune col Museo Cervi e la Proloco Gattatico

Sono esposti pannelli storici che narrano la vicenda dei sette fratelli martiri, i valori della libertà per cui hanno combattuto e l’eredità di papà Alcide. “Si tratta del percorso museale tradizionale che i visitatori trovavano al Museo” afferma la direttrice Paola Varesi. “Attualmente il Museo è in fase di profonda ristrutturazione e si attende la conclusione dei lavori per il mese di luglio”.

“Il nuovo museo sarà una struttura al passo con i tempi – spiefa la presidente dell’Istituto Albertina Soliani – ma nel frattempo è importante mantenere viva la memoria e l’attenzione sui valori della Resistenza, anche durante le restrizioni determinate dalla pandemia”.

La mostra è stata pensata per poter essere itinerante: la prossima tappa sarà presso la sede Anpi di Reggio Emilia .

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *