Trieste affonda Pallacanestro Reggiana 70-96
Baratro retrocessione, salta coach Martino

DI PAOLO COMASTRI

Paolo Comastri

Pallacanestro Reggiana / Unahotels 70 – Allianz / Pallacanestro Trieste 96.

14/3/2021 – Potrebbe essere letto come un “normale”, seppur negativo, risultato nell’economia di un “normale” campionato disputato da una “normale” squadra.

E invece, per come è maturata, va interpretata, pure senza tanti se e altrettanti ma, come una prestazione vergognosa; quinta sconfitta in fila, decima in undici partite ma soprattutto una squadra che non c’è, una condizione tecnica a volte persino imbarazzante, giocatori sul parquet totalmente avulsi da un minimo gioco di squadra, nessuna voglia di sbucciarsi le ginocchia e di lottare; quella che a Napoli identificano come…. ‘a cazzimma.

 I biancorossi sono totalmente privi di alibi.

Lo scollamento tra squadra e coach è di un’evidenza lapalissiana, oltre che francamente insopportabile e, las but not least, il progetto di questa nuova Pallacanestro Reggiana targata Antimo Martino con l’imprinting dell’Amministratore Delegato Alessandro Dalla Salda, è clamorosamente, definitivamente naufragato.

Antimo Martino non ha in mano la squadra, appare in palese confusione e quel che è peggio in rotta di collisione con diversi giocatori; il peggio del peggio che possa accadere in una squadra e che nello specifico certifica una figuraccia colossale che sta facendo pencolare sul baratro della retrocessione la Pallacanestro Reggiana.

Scontato, e diciamo pure auspicato, a questo punto il benservito al coach che, come nelle migliori e consolidate tradizioni, paga per tutti.

Ad ogni buon conto, il dovere di cronaca ci impone qualche cenno sulle prestazioni (!!!!????) dei biancorossi;

Brynton Lemar (15 punti): unica sufficienza di serata. A 2 minuti dalla fine, sotto di 24, ha provato ad incitare i suoi a tenere duro.

Petteri Koponen (0 punti): voto uguale ai tiri tentati. E questo era il giocatore che doveva dare quel pizzico di esperienza ed efficacia al tiro !!??

Leonardo Candi (2 punti): nervoso oltremodo, ha anche uno screzio con il coach. Per il resto, veramente poco

Filippo Baldi Rossi (2 punti): anche l’ex Virtus ha da ridire dopo una sostituzione, segnale di pessima intesa con il coach.

Brandon Taylor (11 punti): totalmente avulso dal contesto del gioco.

Frank Elegar (16 punti): tra i meno peggio, è il migliore tra i lunghi, ma troppe pause difensive, figlie di questa situazione, non lo salvano

Henry Sims (11 punti): qualche sprazzo qua è là ma si è adeguato al livello della squadra.

Justin Johnson (8 punti): un terzo quarto tra alti, pochi, e bassi, tanti mentre negli altri non pervenuto.

Mouhamet Diouf (5 punti): l’inizio è incoraggiante, poi il buio e comunque va sottolineato che non è sicuramente lui l’atleta deputato a risolvere la partita.

Dell’allenatore abbiamo già espresso il nostro pensiero.

IL TABELLINO

UNAHOTELS REGGIO EMILIA – ALLIANZ TRIESTE 70-96

UNAHOTELS REGGIO EMILIA: Lemar 15, Koponen, Candi 2, Baldi Rossi 2, Porfilio, Taylor 11, Giannini, Elegar 16, Sims 11, Johnson 8, Bonacini, Diouf 5. Allenatore: Martino.

ALLIANZ TRIESTE: Coronica 1, Upson 10, Fernandez 17, Arnaldo 3, Laquintana, Delia 11, Henry 18, Cavaliero 2, Da Ros, Grazulis 4, Doyle 18, Alviti 12. Allenatore: Dalmasson.

Arbitri: Lo Guzzo, Bettini, Belfiore.

Parziali: 22-21; 14-24, 15-21; 19-30

Note: Candi esce per falli al 35′.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *