SCUOLE CHIUSE: UN BARATRO
Dal post-covid al post-umano
E nessuno si preoccupa dei traumi degli adolescenti

DI GIANLUCA TORTORA*

4/3/2021 – Da qualche giorno si è tornati a leggere e sentir parlare di Scuola, dopo una brevissima citazione del neo Presidente Draghi in occasione dell’accettazione dell’incarico e dei passaggi parlamentari.

Ovviamente non se ne parla rispetto a delle riflessioni o per discutere di progettualità, bensì per decidere come “liberarsi” di un problema (gli studenti) che potrebbe, a giudizio di alcuni esperti, accentuare il contagio in presenza e dunque scalfire l’immagine ed il consenso dei governanti.

Per non correre rischi si torna alla didattica a distanza (DAD), già sperimentata a più riprese e propedeutica a far sostenere un esame con sole prove orali, come l’anno scorso, aggiungo.

Del trauma che gli adolescenti stanno vivendo anche a causa delle scelte dei governi che si sono succeduti, tuttavia, nessuno si preoccupa, sebbene alcune voci isolate si siano sollevate o si sollevino ancora.

Da ultima quella del Presidente dei pediatri italiani e membro del comitato Tecnico Scientifico (CTS) Alberto Villani, il quale sostiene che in un ambiente dove si sta distanziati e si indossa la mascherina non ci si contagia, ci si contagia fuori.

Certo, se il contagio a causa delle variazioni del virus aumentano sensibilmente anche la chiusura dei plessi scolastici può essere una decisione da dover valutare ed assumere: ma la velocità con la quale i Governi che si sono succeduti in questo periodo di epidemia o di guerra lascia intendere, oggi più di quel 4 marzo 2020, che anche non andare a scuola non è più un tabu.

E’ tuttavia da tali scelte che derivano quelle subdole malattie che lo stesso Villani definisce “disturbi psicosomatici”; aumentano insonnia, ansia e malesseri di tipo neuropsichiatrico.

Continua a sorprendere tuttavia che si affrontino i temi degli adolescenti come quelli del lavoro e delle aziende in crisi, senza comprendere che la formazione di un adolescente può essere minata per sempre se non curata e dunque generare ulteriori problematiche esistenziali e sociali.

Si associa spesso questa condizione pandemica ad una guerra, ma in guerra si condividevano i disagi, la fame ed anche i morti: oggi chi ci governa si preoccupa che i supermercati ci riempiano la pancia, le farmacie ci possano somministrare psicofarmaci e che i morti non siano avvicinabili.

Stiamo perdendo quella relazione che consente di condividere le difficoltà elaborare un lutto e venir fuori irrobustiti e con la voglia di vivere.

Ci viene invece sottratto tutto ciò che di umano abbiamo sempre avuto assicurandoci tutto “servito” a casa, come il lavoro, la scuola, la spesa: fino a quando e per quanto tempo ancora?

Saremo in grado di riconquistare quell’umanità e quelle relazioni che hanno da sempre connotato la nostra esistenza di animali sociali? Una profonda riflessione del filosofo francese Martin Steffens dovrebbe farci riflettere in ordine al fatto che la “vita umana non è un problema da risolvere, ma un mistero da vivere”. A riguardo il filosofo francese sostiene che la condizione di allontanamento sociale che stiamo vivendo quando sarà un’abitudine per proteggerci da virus esterni, preferendo la nostra salute alla relazione, non saremo nel mondo post covid bensì nel mondo post umano.

Sono riflessioni intense che fanno sussultare gli adulti, non possiamo non comprendere come scelte all’apparenza di carattere pratico (la DAD) non possano incidere nel percorso adolescenziale, denso di lunghi periodi di solitudine, tensioni, ansie, assenza di riferimenti, di conforto e privati di relazioni sociali.

Credo che la responsabilizzazione a volte traumatica nella fase iniziale ma accompagnata dai formatori a scuola potrebbe vedere gli adolescenti più consapevoli e forse più utili alla società di cui fanno parte ed agli altri, rinsaldando un senso si collettività, di relazioni che da sempre cementano un popolo in occasione di crisi ma altresì di rinascite.

*Presidente circolo Giovanni Gentile di Fratelli d’Italia

Be Sociable, Share!

2 risposte a SCUOLE CHIUSE: UN BARATRO
Dal post-covid al post-umano
E nessuno si preoccupa dei traumi degli adolescenti

  1. Daniele Orazi Rispondi

    10/03/2021 alle 12:25

    Grazie Cina! Prima hanno ditrutto,( grazie ad una globalizzazione senza regole, ricordiamoci sempre che in Cina non esiste previdenza sociale nè assistenza se non a pagamento), il nostro sistema produttivo e poi hanna fatto oltre due milioni di morti in tutto il momdo.Occorre una profonda riflessione politica globale su una apertura ad un paese dittatoriale che all’insegna del comunismo è in realtà in pieno nazional socialismo (direi proprio nazismo condito di propaganda e culto dello stato ove la vita del singolo non vale nulla!).
    Purtroppo nessuno pagherà per questa guerra risarcendo i milioni di morti e i danni irreparabili al sistema produttivo.
    Non solo danni fisici ed economici,ma anche danni sociali umani e formativi per tutti, specie per i nostri giovani che resteranno menomati sul piano formativo ed umano, privati di affetti relazioni e vita.

  2. Daniele Orazi Rispondi

    10/03/2021 alle 12:46

    Vorrei soltanto aggiungere un commento di natura politica .
    Ho l’impressione che manchi alla classe politica la consapevolezza della gravità degli errori commessi .
    Quando si assumono decisioni politiche senza considerare le implicazioni economiche si distrugge invece di costruire.
    IlProf Tremonti aveva messo in guardia contro una globalizzazione senza regole,ma scelte politiche errate hanno prevalso. Abbiamo perso migliaia di fabbriche manufatturiere, sostituendo prodotti di qualità con merce scadente a basso prezzo,delocalizzato la produzione perdendo milioni di posti di lavoro,sostituita la professionalità artigianale con immigrati sfruttati disperati e disposti a tutto con l’unico scopo di deprimere i costi di lavoro con mamodopera a basso prezzo.
    E’evidente che se non hai i costi sociali della previdenza e dell’assistenza sociale se non hai regole sull’orario di lavoro nè divieto di lavoro minorile, puoi produrre a costi molto inferiori.
    Occorreva imporre a che voleva vendere in occidente i propri prodotti le stesse regole esistenti nelmondo occidentale per evitare concorrenza sleale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *