Ordine avvocati nella bufera
Elezioni fissate a maggio, ma gli avvocati non lo sanno
Grandina sul commissario Berti Arnoaldi

11/3/2021 – Le elezioni per il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Reggio emilia, sciolto e commissariato a seguito delle dimissioni della maggioranza dei membri in rotta di collisione con l’ex presidente Celestina Tinelli, sono state fissate tra il 7 e il 15 maggio. Lo sanno i giudici, ma non i diretti interessati, vale a dire gli avvocati del foro reggiano, che sono venuti a saperlo incidentalmente, e con malcelato sconcerto, al termine della di una udienza preliminare “lampo” del processo Angeli e Demoni sugli affidi illeciti e i bambini strappati ai genitori dai servizi sociali della Val d’Enza.

E’ stato proprio il gup Dario De Luca ad annunciare la data delle elezioni: fissando il calendario delle udienze – riferisce l’agenzia Dire – il giudice ha fatto sapere che tra il 7 e il 15 maggio le aule non saranno disponibili in quando dovranno ospitare le operazioni di voto del Coa.
   Celestina Tinelli era stata costretta a dimettersi dopo essere stata sfiduciata da oltre la metà dei membri del Consiglio, che le rimproveravano tra l’altro di aver tenuto segreta un’audizione davanti alla prima commissione del Csm sulla vicenda del procuratore Marco Mescolini, poi trasferito per incompatibilità dal distretto giudiziario di Bologna.

L’Ordine reggiano degli avvocati è retto Giovanni Berti Arnoaldi Veli, già presidente dell’Ordine degli avvocati di Bologna, nominato a Reggio dal Consiglio Nazionale Forense per indire le nuove elezioni. Per quanto irrituale, la comunicazione della data è stata accolta con una certa soddisfazione dai legali presenti all’udienza. Per Giovanni Tarquini, ad esempio, “c’è bisogno di tornare presto alla normalità”.

Una parte consistente del foro, al contrario, ha reagito con sorpresa: la data delle elezioni, fissata da Berti Arnoaldi, era ancora riservata, ma evidentemente non per tutti. Inutile dire che tira aria di rivolta, con diversi avvocati pronti a chiedere spiegazioni al commissario straordinario, che proprio l’altro ieri aveva confermato gli omissis al verbale della seduta del 21 dicembre del Coa, quella sull’audizione segreta di Tinelli al Csm , in favore dell’ex procuratore Mescolini.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *