Ma il sindaco Vecchi è indagato o no?
Pd & friends rifiutano persino la discussione
E spunta un audio minaccioso: “State molto attenti…”

8/3/2021 – Come volevasi dimostrare: oggi pomeriggio la maggioranza in consiglio comunale a Reggio Emilia ha respinto a priori la discussione sull’ordine del giorno presentato dal gruppo della Lega al fine di impegnare il sindaco Luca Vecchi ad informarsi presso la Procura della Repubblica se risulta iscritto nel registro degli indagati, o no.

“Devo dire che ammiro profondamente il coraggio dei consiglieri di maggioranza che quest’oggi hanno addirittura avuto il fegato di bocciare l’urgenza per impegnare il Sindaco a chiedere in Procura se è indagato – ha dichiarato il consigliere Alessandro Rinaldi, primo firmatario dell’odg – Si trattava di una semplice richiesta di trasparenza, i cittadini reggiani devono avere il diritto di sapere se il loro Sindaco è o meno indagato.


Eppure niente, anche stavolta i consiglieri di maggioranza si sono superati, rifiutandosi di affrontare l’argomento, nonostante l’assoluta incertezza sulla posizione del Sindaco Vecchi nell’ inchiesta sugli appalti.
Una vera e propria censura – aggiunge – vietato affrontare l’argomento, vietato chiedere chiarezza su un tema delicatissimo e di estrema importanza, vietato sapere se le dichiarazioni del PM antimafia Di Matteo sono vere”.
Rinaldi sottolinea come il documento non contenesse alcun giudizio politico sulla vicenda: “si trattava solamente di compiere un atto di trasparenza nei confronti dei cittadini reggiani presentando istanza in Procura.
Gravissimo poi l’atteggiamento del Sindaco Vecchi, che decide di non partecipare al voto per evitare di esporsi sull’argomento”.
Rinaldi informa inoltre di “un altro inquietante episodio durante le votazioni, dove emerge un audio in cui si dice “state molto attenti!!!“.
Veramente una brutta pagina per la democrazia di questa consigliatura.
Per quali motivi il PD si è rifiutato di affrontare l’argomento?
Hanno qualcosa da nascondere?
A pagare le conseguenze di queste assurde decisioni saranno ancora una volta i cittadini reggiani che resteranno in questo clima di incertezza e non potranno ancora sapere se il Sindaco eletto da loro a Maggio 2019 è o meno indagato”.

L’ ODG URGENTE PRESENTATO DAL GRUPPO LEGA E NON AMMESSO ALLA DISCUSSIONE

ODG URGENTE EX ART 19: ESPRESSA RICHIESTA IN PROCURA DEL SINDACO PER SAPERE SE ESISTONO EVENTUALI ISCRIZIONI A PROPRIO CARICO NEL REGISTRO DELLE NOTIZIE DI REATO

PREMESSO CHE

-il magistrato antimafia, nonché cittadino onorario della città di Reggio, Antonino Di Matteo, durante il suo intervento in seduta plenaria del CSM come relatore nel procedimento a carico del procuratore Marco Mescolini ha dichiarato in due passaggi come il Sindaco Luca Vecchi sia “il principale indagato della principale indagine della città”;

-anche dopo le dichiarazioni del PM Di Matteo, il Sindaco Vecchi ha sempre confermato di non aver mai ricevuto alcun avviso di garanzia a suo carico;

-nella seduta del Consiglio comunale del 01/03 il Sindaco Vecchi ha ribadito di essere all’oscuro di procedimenti a suo carico e ha confermato la sua piena disponibilità nell’avvisare il Consiglio comunale e la cittadinanza nel caso in cui dovessero emergere eventuali novità in relazione a procedimenti giudiziari;

-in alternativa alla notifica di un avviso di garanzia, si può sapere se si è indagati mediante il deposito di un’apposita istanza con la quale si chiede di avere conoscenza delle eventuali iscrizioni a proprio carico nel registro delle notizie di reato.

Alessandro Rinaldi

CONSIDERATO CHE

-è doveroso che la cittadinanza reggiana sappia se il primo cittadino è o meno indagato, oltremodo se gli eventuali reati su cui si indaga sarebbero stati commessi nell’esercizio della sua funzione istituzionale;

-vista l’incertezza della posizione del Sindaco in relazione all’inchiesta sugli appalti, è corretto che per togliersi ogni dubbio lo stesso Sindaco Vecchi, quale interessato, faccia apposita richiesta in Procura per sapere se è indagato;

-in capo al Sindaco, quale massimo esponente dell’istituzione cittadina, sussistono obblighi di assoluta trasparenza istituzionale;

– chiedere in Procura se si è indagati e in seguito riferire alla cittadinanza e al Consiglio comunale, è un atto di assoluta trasparenza.

TUTTO CIÒ PREMESSO IMPEGNA

il Sindaco a depositare un’apposita istanza in Procura con la quale si chiede di avere conoscenza delle eventuali iscrizioni a proprio carico nel registro delle notizie di reato.

Con osservanza,

CONS. ALESSANDRO RINALDI

CAPOGRUPPO CONS. MATTEO MELATO

CONS. ROBERTO SALATI

CONS. STEFANO SACCHI

CONS. GIORGIO VARCHETTA

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *