La pandemia uccide anche la cultura
Il mondo dello spettacolo in ginocchio: protesta davanti al teatro Valli

27/3/2021 – “Coin la cultura non si mangia”: questo lo slogan della protesta andata in scena oggi pomeriggio davanti al teatro Valli di Reggio Emilia con l’adesione di oltre 20 realtà culturali della provincia. C’erano attori, musicisti, autori, tecnici e docenti – tutti debitamente distanziati – in rappresentanza dei tanti mestieri dello spettacolo che da un anno sono forzatamente inattivi ed economicamente in ginocchio.

La protesta davanti al teatro Valli

E’ un mondo che con la pandemia è sprofondato in una crisi persino inimmaginabile sino a poco tempo fa: da mesi si levano appelli da tutto il Paese per salvare lo spettacolo, con la discesa in campo di tanti nomi prestigiosi come Ligabue e Andrea Griminelli, ma inutilmente: questo mondo viene trattato come se fosse superfluo, un ramo da tagliare. Eppure teatri e sale, con i protocolli stringenti approvati e rimasti nel limbo, sono fra i luoghi più sicuri. Trattare la cultura come un settore marginale – hanno detto oggi gli operatori – significa non soltanto distruggere una enorme quantità di posti di lavoro di alta qualità, ma “uccidere” un pezzo importante della nostra storia. Hanno portato la loro solidarietà il presidente della Provincia Giorgio Zanni, l’assessore comunale Annalisa Rabitti e il consigliere regionale Federico Amico.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *