Tanto tuonò che piovve
Il consigliere De Lucia sbatte la porta e se ne va dal Pd
Non ha digerito il governo con la Lega

La convivenza era difficile da tempo, e spesso e volentieri volavano i piatti. Oggi però la separazione tra il consigliere comunale Dario De Lucia, noto soprattutto per le sue sparate sui social, e il Partito Democratico si è consumata definitivamente. Oggi De Lucia, che ha un seguito piuttosto largo (è stato secondo degli eletti Pd in consiglio comunale) ha formalizzato la sua adesione in via provvisoria al Gruppo Misto in Sala del Tricolore e domattina spiegherà le ragioni della rottura in una conferenza stampa annunciando anche le sue prossime mosse.

In un comunicato, il consigliere fa riferimento alla decisione del Pd di entrare nel governo Draghi insieme alla Lega, come fattore scatenante della sua scelta. Di fatto De Lucia esce dalla maggioranza, mantenendo però un atteggiamento collaborativo: ““Ci sarà da parte mia – le sue parole – collaborazione sulle tematiche di lavoro, sui documenti di bilancio e spero che si possa trovare una mediazione partendo come sempre dai contenuti che sono la cosa più importante”.

In relatà lo strappo si era consumato prima della formazione del governo Draghi, quando De Lucia, dicendo peraltro il vero, aveva rinfacciato ai dirigenti del partito reggiano di essere stati tutti renziani. La segreteria provinciale del Pd lo ha aveva richiamato all’ordine, invitandolo a riflettere sulle sue affermazioni. Lui aveva risposto “Volete che me ne vada?”, proprio come Fini disse a Berlusconi “Che fai, mi cacci?”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. L'Eretico Rispondi

    23/02/2021 alle 23:28

    Finalmente!
    Così ridiamo credibilità al PD che ne ha bisogno.

    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *