Cultura reggiana in lutto
Se n’è andato il dottor Riccardo Mamoli , fondatore del mitico Discoland

12/2/2021 – Nuovo lutto nella cultura reggiana. E’ scomparso Riccardo Mamoli, fondatore, a Reggio Emilia nel 1964 (e titolare per decenni) di ‘Discoland‘, uno dei più prestigiosi negozi di dischi, noto in ambito internazionale, punto di riferimento per musicisti e musicofili di tutta Italia. Le avanguardie, le rarità discografiche, le novità che nel tempo avrebbero fatto la storia della musica si trovavano da Discoland, e spesso soltanto lì.

Riccardo Mamoli

Persona colta, laureato in Giurisprudenza, era figlio d’arte: suo padre era maestro Alfredo Mamoli, pianista, organista, compositore e docente all’Istituto Peri, un talento del vecchio quartiere del ‘Popol giost’ .

La notizia della morte del dottor Mamoli si è sparsa in un baleno, suscitando commozione e cordoglio.

“Se n’è andato un pezzo di storia della città e del suo centro storico di Reggio Emilia -questo il ricordo dell’assessore Mariafrancesca Sidoli – Con Riccardo Mamoli, persona colta, profondamente competente e di raffinati gusti musicali, il suo divenne da subito non solo un negozio, ma un punto di riferimento, di confronto su temi musicali e di relazione.

Del dottor Mamoli – così, con rispetto, veniva chiamato – ricordiamo le qualità umane, la generosità, l’affabilità, l’attenzione con cui sapeva accogliere, consigliare e intuire quanto musicisti, musicofili appassionati o avventori occasionali cercavano, estraendo la risposta da quella sua vera e propria ‘terra dei dischi’. Riccardo -sottolinea Sidoli – ha avuto la rara e importante capacità di trasmettere, attraverso al sua attività, conoscenza, umanità e passione, riuscendo a ‘tramandare’ il suo lavoro a chi ne ha raccolto il testimone: una capacità preziosa, anche per chi fa impresa.

Il nostro cordoglio ai famigliari del dottor Mamoli, a Paride Bonetta attuale titolare di Discoland, amico e ‘allievo’ di Riccardo, e a quanti lo hanno conosciuto”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. GG Rispondi

    25/02/2021 alle 19:24

    …noooooooooooooooo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *