Ricattati dal bullo per le sigarette elettroniche
Dieci ragazzini costretti a pagare migliaia di euro a baby taglieggiatore

1/12/2020 – Ai primi di novembre era finito all’Istituto penale per Minorenni di Bologna per aver taglieggiato un ragazzino della sua età – che si era rivolto a lui attraverso un conoscente per l’acquisto di una sigaretta elettronica – costringendolo a consegnarli 900 euro in più riprese. Nel corso delle indagini i carabinieri di Novellara hanno scoperto che altri dieci giovanissimi erano cadute nella rete del taglieggiatore in erba, che non avrebbe nemmeno sedici anni. Tutti costretti a pagare con lo stesso modus operanti. Il bullo avrebbe così raccolto, come scoperto dai carabinieri, diverse migliaia di euro.

foto da carabinieri Siena

Come nel caso che ai primi di novembre ha portato alla luce la grave situazione, il taglieggiatore adolescente si rendeva disponibile a fare da tramite per l’acquisito di sigarette elettroniche e dei relativi accessori, poi chiedeva soldi di continuo alle sue vittime che per paura di ritorsioni non avevano denunciato le angherie subite.

Il primo caso era emerso perchè la vittima, spaventata da continue minacce di pestaggi e anche di morte, aveva chiesto soldi in prestito a un amico perchè non riusciva più a far fronte ai pagamenti (nonostante avesse rinunciato allì’acquisto della sigaretta elettronica). Alla fine i genitori, preoccupati per lo stato di depressione del figlio, sono riusciti a farlo confidare e lo hanno accompagnato dai carabinieri di Novellara a denunciare il fatto. Da qui l’arresto del presunto baby taglieggiatore, che ora è in stato di custodia a Bologna, e le successiva indagini che in poco tempo hanno portato a scoprire l’incredibile giro di ricatti tra giovanissimi. Resta da capire se il bulletto non fosse stato instradato da qualcuno più grande e “scafato”, magari da una organizzazione tipo catena di Sant’Antonio, che esistono da sempre e che spesso sfruttano proprio i ragazzi col miraggio di grossi guadagni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.