Covid, otto anziani morti alla casa di riposo Millefiori di Novellara
Gestione in emergenza: “Operatori in isolamento, e nessuno vuole andare a lavorare lì”

11/12/2020 – Otto anziani ospiti della casa protetta comunale Millefiori di Novellara sono morti per cause legate al Covid-19. A dare la drammatica notizia è stata la sindaca Elena Carletti alla riunione dei capigruppo di mecoledì. Alla Millefiori quasi tutti gli ospiti hanno contratto il corona virus: l’ultima cifra nota è di oltre 50 contagiati. La gestione è in piena emergenza a causa dei numerosi operatori in quarantena e della difficoltà ad assumere personale in sostituzione perchè- ha detto la sindaca – nessuno accetta di andare a lavorare nella Cra di Novellara.

La casa protetta Millefiori di Novellara

La grave situazione è illutrata in una nota diffusa questa mattina dai consiglieri comunali del gruppo di Centrodestra Cristina Fantinati, Luca Dall’Aglio, Ivo Germani, criticano il modo di informare col contagocce da parte dell’amminsitrazione novellarese, e chiedono un cambio di passo nel rapporto non solo con i consiglieri, ma con la cittadinanza.

“Anche a Novellara scrivono Fantinati, Dall’Aglio e Germani – la diffusione del Covid ha raggiunto numeri importanti, ed è evidente che la situazione susciti apprensione e preoccupazione in tutti i cittadini.

A questo si aggiunge la situazione delicata alla casa protetta Millefiori, in cui a fine Novembre, dall’oggi al domani, la quasi totalità degli ospiti sono risultati positivi al Covid, oltre ad un numero tuttora imprecisato di dipendenti della struttura. I cittadini sono stati informati il 27 ed il 29 Novembre dal Sindaco Elena Carletti con una diretta Facebook dal proprio profilo personale, anziché dalla pagina istituzionale del Comune, prassi più corretta ed inclusiva che adottata da tanti altri Sindaci nell’informazione verso i propri cittadini. Noi Consiglieri di centrodestra vogliamo manifestare la nostra preoccupazione per la situazione, nonché il nostro disagio per il lungo silenzio del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale.

Cristina Fantinati

“Non intendiamo sollevare polemiche sterili e inutili, perché nel momento dell’emergenza sentiamo il dovere di restare uniti. Riteniamo, però, importante che il Sindaco faccia sentire la propria presenza a tutti i Novellaresi compresi noi amministratori. Chiediamo puntuale informazione sull’evolversi della situazione, non soltanto per il rispetto della trasparenza, ma anche per dare coraggio, oltre che suggerimenti e raccomandazioni, nel vero spirito di unione, condivisione e partecipazione alla nostra comunità. Il Sindaco è per legge la massima autorità sanitaria locale, come tale ha costanti contatti e si interfaccia con le autorità regionali e provinciali, pertanto riteniamo utile che si confronti con i cittadini e con noi Consiglieri per valutare e condividere iniziative, decisioni e proposte in una situazione di emergenza come questa unica nella storia. Tutto ciò nel più totale rispetto della privacy, senza nomi e cognomi”.

Soltanto il 9 Dicembre il Sindaco ha convocato una riunione dei Capigruppo consiliari per dare alcuni aggiornamenti sulla situazione del Millefiori, informazioni che sono risultate molto generiche – scivono i consiglieri di opposizioni – In questa occasione abbiamo appreso che alcuni ospiti della casa protetta (8) sono deceduti per Covid, una notizia tragica che purtroppo conferma quanto il virus possa essere letale per gli anziani già afflitti da altre patologie. Esprimiamo la nostra vicinanza alle famiglie delle vittime e comprendiamo l’apprensione dei tanti parenti per i loro cari, ospiti del Millefiori”.

Il Sindaco “ci ha poi informato delle tante difficoltà di gestione, per la mancanza del personale che si trova a casa in quarantena e della impossibilità di assumere rapidamente altri operatori, perché non sono disponibili ad accettare un lavoro presso la nostra casa protetta”.

“Come Capogruppo del Centrodestra ho posto diverse domande – aggiunge Fantinati – e ho preannunciato la presentazione di un’interrogazione.

Ci piacerebbe avere maggiori informazioni in merito

  • alle condizioni degli ospiti malati, degli operatori malati, al numero di operatori arrivati in soccorso dalla Ausl e quanti ne servirebbero per gestire la situazione attuale;
  • se vengono assicurati gli altri servizi erogati dal Millefiori o se sono stati sospesi;
  • la cronologia dei contagi al centro diurno e alla casa protetta;
  • copia del Documento di Valutazione dei Rischi, Piano Covid, procedure attivate, il Responsabile Covid del Millefiori;
  • la situazione dei rapporti con le famiglie degli ospiti, in riferimento alla sospensione delle videochiamate poi riattivate”.

“Proprio per non alimentare dubbi sul nostro spirito collaborativo e di servizio ci piacerebbe che queste informazioni, nel rispetto della tutela della riservatezza, fossero rese pubbliche e accessibili ai cittadini, che potranno avere una fonte di informazioni certa ed autorevole non viziata da filtri ideologici. – concludono i consiglieri – Il Sindaco ha riferito che per ora non può dare queste informazioni e che risponderà tra un mese. Restiamo pertanto in attesa delle informazioni richieste”. I Consiglieri Comunali del Gruppo di Centrodestra: Cristina Fantinati, Luca Dall’Aglio, Ivo Germani

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *