Spacciatore con infarto
Novellara: i carabinieri prima lo salvano e poi lo denunciano

28/11/2020 -L’arresto si è rivelato provvidenziale per un uomo di 55 anni del mantovano, fermato dai Carabinieri a Novellara che gli hanno trovato addosso due dosi di eroina pronte dello spaccio. In caserma,mentre erano in corso le procvedure di identificazione, l’uomo ha accusato forti dolori al petto: era un infarto. I carabinieri hanno immediatamente attivato il 18, che ha trasportato a tutta velocità il malcapitato all’ospedal eid Guastalla e poi al Santa Maria Nuova di Reggio emilia,dove è stato operato. Ora è fuori ferito. Ora è stato denunciato dagli stessi carabinieri, che lo hanno salvato, per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Ma è il caso di dire che gli è andata bene così.

 E’ accaduto l’altro pomeriggio quando i carabinieri della stazione di Novellara durante l’attività di controllo del territorio intimavano l’alt a una Fiat Punto condotto dal 55enne abitante nel mantovano. Terminate le procedure di identificazione e considerata la visibile preoccupazione dell’uomo, i militari approfondivano i controlli, trovando due dosi di eroina già confezionate e pronte allo spaccio,oltre a un centinaio di euro in contanti. Condotto in caserma l’uomo lamentava dolori al petto per cui i militari allertavano il 118 che inviava i soccorsi in caserma. Era,come detto, un infarto bello e buono infarto, per cui dall’Ospedale di Guastalla veniva trasferito a Reggio Emilia dove ora si trova ricoverato fuori pericolo dopo essere stato sottoposto a intervento.

Nel frattempo le indagini dei carabinieri di Novellara hanno rilevato la detenzione ai fini di spaccio: attraverso le rebriche dello smartphone sequestrato insieme alla droga, venivano rintracciati alcuni clienti dell’infartato che, sentiti dai militar, i confermavano che l’uomo era un loro fornitore di eroina. Accertati i fatti per il 55enne scattava la denuncia per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *