Situazione case di riposo a Reggio
In consiglio non se ne deve parlare
Subito respinta richiesta delle opposizioni: mai così in basso

2/11/2020 – Nel pieno della seconda ondata di pandemia Covid, con centinaia di nuovi contagi ogni giorno nel reggiano, di cui gran parte nel capoluogo, la maggioranza ha zittito il consiglio comunale: non si deve parlare della situazione nelle case di riposo di Reggio Emilia, se non a comando dell’amministrazione.

Non è la prima volta che succede, ma oggi quanto è accaduto in Sala del Tricolore riveste una particolare gravità. La maggioranza ha respinto in via preliminare un ordine del giorno urgente presentato da Alleanza Civica e firmato, oltre che da Cinzia Rubertelli dei Civici, da Melato della Lega, Claudio Bassi di Forza Italia e Cristian Panarari del gruppo Misto, finalizzato a ottenere dal sindaco e della giunta un aggiornamento sulla situazione degli ospiti e degli operatori dell’Asp Città delle persone, cui fanno capo le residenze per anziani di Reggio Emilia, “alla luce di un emergenza coronavirus particolarmente critica”. Lo stesso odg voleva analogamente impegnare la presidente a convocare la terza commissione consiliare servizi sociali, sanità e assistenza.

“L’ordine del giorno – spiega Rubertelli – è stato respinto in quanto la Presidente Perri (presidente della commissione speciale, poco attiva, Coronavirus) ha riferito di un calendario, peraltro invisibile alle opposizioni, non ancora ufficializzato che supererebbe la proposta delle opposizioni. La richiesta di trasparenza su temi così delicati non si può ridurre a tali bassezze afferma la consigliera – La richiesta, respinta, di avere aggiornamenti oggi stesso in consiglio fa pensare che in Comune manca  un faro accesso sulle RSA, dallo stesso gestite: occorre tempo, e se lo prendono raccontando di un calendario inesistente e evitando il necessario confronto in Consiglio”. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.