Martina, morta di Covid a 21 anni: tragedia a Luzzara
Ricoverata da giovedì a Guastalla, ieri il decesso

18/11/2020 – Una morte legata al Covid a 21 anni a Luzzara, nella Bassa Reggiana. Martina Bonaretti è spirata ieri pomeriggio all’ospedale di Guastalla dove era ricoverata da giovedì con sintomi riconducibili al Covid 1.

, Ne ha dato l’annuncio su Facebood Andrea Costa, consigliere regionale ed ex sindaco del paese di Zavattini. .

Da giovedì le condizioni della ragazza sono rapidamente peggiorate e ieri pomeriggio è deceduto , lasciando in un dolore sconfinato il padre, la madre e la sorella, oltre a tanti amici , al personale sanitario di Guastalla e tanti conoscenti .

“Quasi sempre evito di parlare di chi ci lascia, soprattutto se appartiene alla famiglia della nostra comunità locale – ha scritto su Facebook Andrea Costa – ma questa volta non posso evitarlo. Perché stasera si è spenta una straordinaria ragazza, che aveva solamente 21 anni e che è stata aggredita dal Covid.

Martina Bonaretti

Martina Bonaretti la conoscevo da quando è nata, come conosco tutta la sua splendida famiglia”. Quindi, prosegue Costa, “lo so che da mesi, purtroppo, sentiamo parlare di decessi, e già altre famiglie hanno dovuto piangere i loro cari. Ma questa sera è diverso.

Questa sera fa più effetto perché la malattia ha spezzato una vita che stava ancora germogliando. Usiamo meno leggerezza d’ora in avanti nel parlare della malattia – è l’ammonimento di Costa – e quella leggerezza invece mettiamola nei rapporti tra le persone che spesso si deteriorano per delle stupidaggini. Usiamo di più il cuore, come sapeva fare Martina, come le avevano insegnato a fare nella sua generosa famiglia a cui va il mio abbraccio più forte”.

LA SINDACA DI LUZZARA: “SIAMO SCONVOLTI E INCREDULI”

“Non ho parole di fronte a questa tragedia“, ha scritto la sindaca Elisabetta Sottili su Facebook. “Niente può valere i suoi 21 anni, i suoi occhi grandi e belli, il suo sorriso, la sua promessa di vita. Come tanti di voi, Martina l’ho vista crescere, in paese, in parrocchia: bambina, ragazza e poi giovane donna, e la sua scomparsa ci sconvolge e ci lascia increduli”. Quindi Sottili ha voluto esprimere la sua vicinanza alla famiglia: “Da prima cittadina sento di potervi rappresentare tutti nel trasmettere la nostra vicinanza e il nostro affetto alla sua famiglia, colpita così duramente dalla cosa più innaturale che possa esserci, un dolore inimmaginabile che sa solo chi lo ha provato. Ai parenti e agli amici, a chi la conosceva e le voleva bene.

D’accordo con i genitori sarò presente al funerale con la fascia tricolore, e questo sarà il segno visibile del nostro abbraccio, di chi non potrà fisicamente partecipare (purtroppo non ci sarà posto per tutti) e del ricordo che porteremo dentro di noi di Martina”.

“Se qualcosa oggi ci può sostenere, pensiamoci proprio in termini di comunità, crediamo di poterci aiutare e prendere a cuore gli uni gli altri – ha conmcluso Sottili – non sottovalutiamo i rischi e stimiamo come importante ogni nostro comportamento”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *