Guastalla, 46 positivi nella Rsa Bisini
Sono 35 anziani (2 in ospedale) e 11 operatori
Al piano terra struttura Covid dell’Ausl

2/11/2020 – Sono al momento 46 le persone Covid-positive alla Rsa Bisini di Guastalla, struttura comunale gestita da Coopselios. Un aggiornamento di fine mattinata riferisce di 35 anziani risultati positivi al tampone su un totale di 59 ospitati al primo piano della Rsa: di questi, due sono stati trasferiti in ospedale (non in terapia intensiva). Agli anziani però vanno aggiunti 11 operatori positivi sui 53 dipendenti di Coopselios impegnati nella casa di riposo.

Al piano terra dello stesso edificio dalla settimana scorsa è attiva una Cra Covid allestita e gestita direttamente dall’Ausl, con personale separato da quello della Rsa.

Ieri l’Ausl, col resoconto giornaliero, aveva riferito genericamente di 41 positivi a Guastalla. A rivelare la situazione della Cra Bisini-Agorà (che integra la Rsa Bisini in gestione a Coopselios) era stata la sindaca Camilla Verona con un post su Facebook.

“Il 27 ottobre alla notizia dei primi tamponi positivi sono stati inviati in struttura il responsabile infermieristico del Distretto sanitario, il coordinatore Ausl delle Cra del Distretto e l’infermiera Case Manager Cra – ha scritto la prima cittadina di Guastalla – È inoltre stata istituita zona rossa con i primi 6 pazienti positivi e impostata terapia specifica da parte del medico di struttura in accordo con il geriatra. Sono stati messi in isolamento gli altri pazienti della struttura ognuno nella propria camera”.

Di conseguenza sono stati richiesto “tamponi per tutti i pazienti e tutti gli operatori” oltre all’intervento della task force Cra Ausl composta da un tecnico della prevenzione e assistenti sanitarie della sanità pubblica dedicate alle Cra.

La Cra Bisini-Agorà di Guastalla

La task force Ausl è intervenuta con un sopralluogo giovedì 28 ottobre “sono stati rivisti e rivalutati i percorsi e le modalità operative. Il 29 ottobre è stato definito il nuovo piano di lavoro, individuati 4 referenti che coordinano le squadre di lavoro. Il 30 ottobre sono stati eseguiti i tamponi a tutti gli ospiti e a tutti gli operatori”. Infine “sabato 31 ottobre tutti gli ospiti risultati positivi sono stati trasferiti nelle zone rosse e sono stati visitati e impostata terapia idonea. In tutto questo periodo è continuata la formazione intensiva agli operatori”.

Oggi pomeriggio è prevista la presenza del geriatra per valutazioni. In settimana saranno eseguiti nuovi tamponi ai pazienti risultati negativi. L’Ausl è presente quotidianamente in struttura per formazione operatori e supporto sanitario. Conclude il sindaco: “C’è la massima collaborazione tra Coopselios, che gestisce la struttura, e Ausl nell’affrontare le conseguenze di questo focolaio in Cra. Sono stata quotidianamente informata della situazione, anche più di una volta al giorno. Tutti stanno lavorando per lo stesso fine: salvaguardare la salute degli ospiti e degli operatori. Le persone affette da covid al momento sono asintomatiche o con sintomi molto contenuti. Si auspica che tutto si possa risolvere nel miglior modo possibile”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.