Giro di spaccio in grande stile
Albanese in manette a Bosco di Scandiano
Aveva un etto di cocaina, 7 mila euro, nove smartphone e la contabilità della droga

22/11/2020 – Le indagini dei carabinieri del nucleo operativo di Castelnovo Monti all’indomani degli arresti operati agli inizi di ottobre nei confronti di due fratelli albanesi di 37 e 33 anni abitanti a Scandiano, che curavano le consegne di cocaina ai loro clienti a domicilio, hanno fatto concentrare l’attenzione su un loro connazionale di 35 anni residente a Bosco di Scandiano, ritenuto collegato ai due fratelli nello spaccio di sostanze stupefacenti. Una perquisizione domiciliare ordinata dalla Procura di Reggio su richiesta degli stessi carabinieri, e avvenuta ieri mattina, ha suffragato le ipotesi investigative . Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i carabinieri del nucleo operativo castelnovese hanno così arrestato l’albanese di 35 anni: con una decina di telefoni dirigeva un’attività dispaccio in grande stile.

All’uomo i militari hanno sequestrato circa un etto di cocaina, 7.000 euro ritenuti provento dello spaccio, una impressioante batteria di cellulari e l’agenda contabile dell’attività illegale nascosta sotto il letto.  

Ieri mattina di buon’ora i militari lo hanno fermato e identificato, mentre appena uscito di casa sidirigeva verso il duo Docato Fiat. La perquisizione è stata estesa anche al furgone e ad altri due veicoli risultati in uso all’albanese. Addosso l’uomo aveva circa 6.500 euro in banconote di vario taglio ed un iPhone. A casa sotto il letto i militari hanno rinvenuto altri 8 smartphone, circa 400 euro in contanti soprattutto soprattutto un’agenda manoscritta con nomi e cifre di denaro, nonché svariate bustine in cellofan per il confezionamentodelle dosi. All’interno del Ducato, esattamente nel vano portaoggetti della portiera lato conducente, c’era un involucro con 34 grammi circa di cocain. All’interno di una Panda parcheggiata accanto al furgone, e aperta con le chiavi che il 35enne aveva nei pantaloni, veniva rinvenuto sotto il cruscotto lato passeggero un altro involucro in cellofaphane con oltre 60 grammi di cocaina. E subito scattato l’arresto, in attesa delle decisioni della Procura e dell’udienza di convalida.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.