Finalmente domenica
Certe cose che so della nuova musica
Arciuli e Montecchi in diretta streaming

14/11/2020 – Emanuele Arciuli, pianista, domenica 15 novembre alle ore 11, racconta “La bellezza della nuova musica” in diretta streaming sui consueti canali della Fondazione I Teatri di Reggio Emilia (www.iteatri.re.it, facebook e youtube). Dopo lo spettacolo “Contrappunti lunari”, con Sonia Bergamasco, andato in scena al Teatro Ariosto e trasmesso in diretta streaming, domenica mattina sarà con il musicologo Giordano Montecchi in questo appuntamento, programmato all’interno di Finalmente Domenica, rassegna che si avvale del contributo del Credem.

Nell’incontro di domani, Arciuli affronterà il tema che tratta nel suo libro La Bellezza della nuova musica, Dedalo 2020: la musica classica contemporanea sembra una contraddizione. Ma non lo è.

Arciuli ci offre una guida appassionata per conoscere quello che tanti compositori in tutto il mondo scrivono oggi. Musiche diversissime fra loro, ma tutte accomunate dalla capacità di cogliere i colori e gli umori del mondo attuale.

Emanuele Arciuli suona regolarmente per alcune delle istituzioni musicali di maggiore prestigio e nelle più importanti sale da concerto (Teatro alla Scala, Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein di Vienna, Philharmonie di Berlino, Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Biennale di Venezia, Miller Theater di New York, Saint Paul Chamber, Indianapolis Symphony Orchestra, Filarmonica di San Pietroburgo, Melbourne Festival, ecc.). Il suo repertorio spazia da Bach alla musica d’oggi, di cui, con speciale riferimento agli Stati Uniti, è considerato uno dei maggiori interpreti. Numerose le opere a lui dedicate e da lui eseguite in prima assoluta. Incide per Innova, Chandos, Bridge, Vai e Stradivarius. L’album dedicato a George Crumb, parte del suo progetto “Round Midnight”, ha ricevuto la nomination per i Grammy Awards. Ha pubblicato alcuni libri, fra i quali Musica per pianoforte negli Stati Uniti (EDT) e Il pianoforte di Leonard Bernstein (ETS). È titolare della cattedra di pianoforte principale al Conservatorio di Bari, insegna all’Accademia di Pinerolo e dal 1998 è professore ospite in numerose università americane. Nel 2011 gli è stato conferito il Premio Abbiati come miglior solista.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *