Criminalità e vandalismi: allarme a Scandiano
“L’unica soluzione è la linea dura”

2/11/2020 – Allarme per l’escalation di atti criminosi e vandalismi nel territorio di Scandiano. Se ne fanno portavoce consiglieri ed esponenti delle opposizioni. I consiglieri comunali Alessandro Nironi Ferraroni,
Davide Beltrami, Chiara Ferrari
sottolineano la “sconcerto” col quale gli scandianesi assistono “alla sequenza senza precedenti di vandalismi e crimini che hanno interessato la nostra comunità nelle ultime settimane: sono stati colpiti simboli comunitari (Monte delle Tre Croci) e beni pubblici (giardino della Palazzina Lodesani – Parco della Resistenza) nonché interessati esercizi di proprietà comunale (bar Il Chiosco) e di diretta gestione comunale (farmacie comunali)”.
“Questo è sicuramente il comune denominatore di una serie di crimini ignota al nostro Comune – aggiungono – A maggior ragione occorre che il Consiglio comunale sia immediatamente informato attraverso la Commissione consiliare competente, la ottava, che provvederemo a convocare già in mattinata.
Il nostro tessuto sociale – già duramente provato dalla pandemia e dalla prospettiva di un lungo inverno emergenziale – non può tollerare e sopportare questi illeciti”. E concludono: “Non esiste altra soluzione che la linea dura”.

Elena Diacci, presidente  del circolo di Fratelli d’Italia intitolato a Don Terenziani, denuncia a sua volta come “per festeggiare Halloween alcuni vandali hanno distrutto arredo urbano e verde nei parchi pubblici e rovinato una scultura collocata vicino alla palazzina Lodesani. Premettendo che molto deve essere fatto anche da scuola e famiglie perché si tratta di inculcare la buona educazione, serve adottare allo stesso tempo misure più restrittive contro il vandalismo, installando altre telecamere e intensificando il controllo del territorio”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.