Coppia massacrata e accoltellata: lei rapita e seviziata in un casolare
Cinque arrestati: vittime e torturatori sono marocchini

3/11/2020 – Bloccati da due scooter mentre si trovavano in auto, sono stati oggetti di un’aggressione di rara ferocia. Dapprima sono stati presi a calci e pugni per poi essere sfregiati con i coltelli. L’uomo è stato quindi abbandonato sanguinante in mezzo alla strada mentre la ragazza è stata condotta in vigneto vicino, dove gli aggressori hanno dapprima cercato di violentarla per poi successivamente caricarla a forza su un motociclo e portarla in una vicina abitazione sottoponendola a brutali violenze.

Il casolare delle sevizie

Per questi gravi fatti i carabinieri delle stazioni di Correggio e Novellara, congiuntamente ai colleghi della sezione operativa della compagnia di Reggio Emilia e ai militari dell’Arma di Guastalla, con le accuse di concorso in lesioni personali aggravate, sequestro di persona, violenza privata  e violenza sessuale hanno arrestato  Mustapha FADLI di 29 anni, Rafik FADLI di 24 anni, entrambi irregolari sul territorio nazionale e domiciliati a Correggio; Abdeljabar LAHOUIDAG, 26 anni, residente a Noceto (Parma), Mohamed BENABBOU di 43 anni, domiciliato a Sant’Ilario d’Enza e la 25enne Ghizlane HASSOUNI residente a Montichiari, in provincia di Brescia.

L’auto delle vittime col vetro infranto

 E’ ancora al vaglio dei carabinieri il movente che ha indotto i 5 cittadini marocchini arrestati a compiere la brutale aggressione. Le due vittime, un marocchino 43enne residente a Sorbolo di Parma e la fidanzata, una connazionale di 37 anni residente a Reggio Emilia, che probabilmente conoscevano i loro aggressori, sono stati portati per le prime cure all’ospedale di Guastalla e quindi trasferiti al Maggiore di Parma, dove sono ricoverati.

Secondo quanto sinora ricostruito dai carabinieri delle stazioni di Correggio e Novellara, che operano unitamente ai colleghi delle compagnie di Reggio Emilia e Guastalla, i 4 uomini arrestati, poco dopo le 23.30 di ieri sera, nei pressi di via Frassinara tra i comuni di Novellara e Correggio, in sella a due scooter hanno bloccato l’automobile con a bordo la coppia: le due vittime sono state aggredite con ferocia a calci e pugni, poi le hanno seviziate con i coltelli, sfregiandole al volto e alle gambe.

L’automobile delle vittime

La donna poi veniva trascinata con la forza in un vigneto nelle vicianze con il chiaro intento di violentarla, mentre l’uomo veniva abbandonato sanguinante sul posto dell’aggressione. Successivamente la donna veniva fatta salire con la forza, dai quattro aggressori, a bordo di uno dei due scooter e condotta in una vicina abitazione, in via Canolo dove si trovava la ragazza di 25 anni, anche le marocchina come le vittime e i quattro aggressori: lì la donna veniva sottoposta a ulteriori violenze fisiche e sessuali, anche con la partecipazione della giovane.

La notte dell’orrore è stata interrotta dai carabinieri di Correggio e Novellara, intervenuti in forze grazie a un cittadino che ha sentito le urla strazianti della donna seviziata nel casolare, e ha chiamato il 112.

I militari – anche loro guidati dalle urla della poveretta – sono riusciti a bloccare i 4 uomini e la loro complice. Sono al vaglio dei carabinieri i motivi dell’aggressione consumata in stile arancia meccanica. Le vittime sono fortemente provate, ma  non versano in pericolo di vita. Nell’abitazione dell’orrore hanno rinvenuto e sequestrato abiti sporchi di sangue, oggetti di proprietà della donna nonché coltelli e oggetti contundenti utilizzati torturare la donna.

Be Sociable, Share!

2 risposte a Coppia massacrata e accoltellata: lei rapita e seviziata in un casolare
Cinque arrestati: vittime e torturatori sono marocchini

  1. giuseppe Rispondi

    03/11/2020 alle 14:18

    Bravi il cittadino che ha avvisato ed i carabinieri. Spero che la condanna dei delinquenti sia pari alla loro ferocia.

  2. L'Eretico Rispondi

    03/11/2020 alle 15:09

    Dei gentiluomini.
    E noi dovremmo pagare l’avv. d’ufficio che difenderà questi cretini?
    Avrei una qualche alternativa.

Rispondi a giuseppe Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *