Anche i tamponi finiscono in riserva
Niente screening per i volontari delle ambulanze

12/11/2020 – L’Ausl di Reggio Emilia ha sospeso i tamponi molecolari che sino a ieri erano assicurati gratuitamente ai volontari delle ambulanze e delle pubbliche assistenze del Reggiano.

Trovano conferma così le notizie raccolte nelle ultime ore a proposito di una comunicazione in merito arrivata alle strutture di soccorso della provincia.

“In considerazione della quantità limitata di fornitura, al momento non è possibile sottoporre a tampone molecolare di screening il personale delle pubbliche assistenze o altro personale“: questa la risposta alla richiesta di informazioni formulata da Reggio Report.

Si tratta di una decisione che fa seguito a indicazioni regionali: in questa fase il tampone molecolare va utilizzato non per screening, ma per l’accertamento clinico su persone sintomatiche.

E’ una prescrizione che coinvolge non solo le pubbliche assistenze ma tutti gli operatori della sanità e comunque le persone che operano a contatto con i servizi sanitari: saranno sottoposti a tampone antigenico non appena l’Ausl, si presume entro il mese, riceverà forniture adeguate.

Quali le conseguenze? Certamente per le pubbliche assistenze una spesa in più, per provvedere con le proprie risorse al tampone molecolare per i volontari, che sono una delle categorie maggiormente esposte.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *