Strade reggiane, troppi incidenti fai da te
“Usare lo smartphone mentre si guida uccide

12/10/2020 – Continuano ad aumentare gli incidenti stradali “autonomi”: auto che finiscono all’improvviso fuori strada. Ormai sono un terzo dei sinistri più gravi, e la causa predominante sarebbe l’uso del telefono cellulare alla guida. a lanciare l’allarme è l’Osservatorio Provinciale Sicurezza Stradale il cui vice presidente Ermanno Mazzoni (funzionario della Polizia Locale) ha presentato i dati degli ultimi mesi di agosto e settembre, sulla bse dell’analisi delle cronache locali.

Ermanno Mazzoni

Sono stati 125 gli incidenti stradali con feriti, o comunque particolarmente gravi, rilevati dalle forze dell’ordine sulle strade reggiane nell’arco degli ultimi due mesi estivi. E di questi ben 42 hanno riguardato “fuoriuscite autonome”, pari ad una percentuale del 33%: “Vale a dire – sostiene il rapproto dell’Osservatorio – che un incidente su tre è rappresentato da un solo veicolo che esce di strada o si ribalta o finisce nell’adiacente dirupo o canale. Una percentuale troppo alta e che riguarda tutti i veicoli: dalla bicicletta alla moto, dall’auto al mezzo industriale e persino i trattori agricoli”.

Le cause possono essere diverse, ma – sostiene Mazzoni – “predomina l’oramai insana abitudine di guidare utilizzando nel contempo il telefono cellulare o addirittura il tablet. Ne sono una chiara conferma il numero crescente di violazioni contestate dalle forze di polizia, sempre più evidenziate nei report operativ”i.

Nello stesso periodo si sono contati 5 morti (fra cui un reggiano fuori provincia), 6 casi di omissione di soccorso e fuga (di cui 5 successivamente identificati) e 5 investimenti di pedoni sulle strisce pedonali (fra cui un disabile e con un morto a Scandiano).

“Un tributo di sangue ancora troppo alto – conclude l’osservatorio – e che esige la messa in campo di ulteriori strategie di prevenzione e repressione, soprattutto per quanto riguarda l’uso indiscriminato del telefono cellulare.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.