Scandiano: sul caso Ferri non c’è stata trasparenza, ecco perché

DI ALESSANDRO NIRONI FERRARONI

A. Nironi Ferraroni

1/10/2020 – Hanno finalmente trovato conferma le voci che davano l’ex Vice-Sindaco Marco Ferri al vertice del Distretto AUSL di Scandiano al posto dell’uscente, per ragioni di anzianità (quindi per ragioni note da tempo), Maurizio Rosi. Uno spostamento di circa 350 metri dunque; tanto è lo spazio che divide la Residenza municipale dall’Ospedale Magati.

Nulla da discorrere su competenze e meriti professionali di Marco Ferri: non ne abbiamo titolo.

È però una questione tutta politica, di fondamentale importanza ed assoluta delicatezza, quella che si profila.

In primo luogo, perché è evidente che su tale scenario avrebbe dovuto esserci da subito totale trasparenza da parte degli interessati.

Marco Ferri

Il tentativo di replica del Sindaco offende la sua intelligenza e la nostra: da almeno tre settimane Ferri era in predicato di ricoprire il ruolo che, guarda caso, ha finito poi per ricoprire. Un segreto di Pulcinella, a voler tagliar corto.

In secondo luogo, ma certo non per minor importanza, poiché, specie nell’attuale contesto emergenziale è imprescindibile che le istituzioni rappresentative (ad esempio, il Comune) siano in grado di dialogare con gli altri enti, tra i quali innanzitutto quelli sanitari, da una posizione di forte indipendenza, mai abdicando al loro ruolo.

Come potrà la Giunta assolvere a questa sua essenziale funzione nei riguardi di un dirigente che è stato parte essenziale dell’anima del governo scandianese per oltre dieci anni?

Come potrà far sentire la sua voce – eventualmente critica -proprio nei confronti del Vice-Sindaco che, solo un anno fa, primo nella storia scandianese, ha chiesto la fiducia ai cittadini, unitamente al Sindaco, per poi fare altre, legittime e rispettabili, scelte di vita? Lo stesso discorso vale, chiaramente, anche laddove si analizzi la situazione dalla prospettiva della struttura sanitaria.

E il nuovo assessore che fine ha fatto? In due settimane – precedute, immaginiamo, da almeno altrettante di preavviso – il Sindaco non ha ancora trovato una persona in grado di ricoprire un ruolo chiave come, appunto, quello ancora vacante?

Al riguardo il Sindaco tenta di cavarsela accusandoci di ignoranza del ruolo e della sua complessità. Verrebbe da dire che forse lui non conosceva le aspirazioni professionali del suo Vice. Insomma, noi indichiamo la luna e lui guarda il nostro dito.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *