Scandiano, altro che cultura/anticorpo
Centinaia in piazza: “Sindaco, ti piace scherzare col fuoco”

DI ANGELO SANTORO*

Vasco Brondi, protagonista in piazza a Scandiano

A Scandiano ancora una manifestazione, seppur con fini encomiabili; ancora un affollamento di persone, nonostante l’applicazione delle norme, e vorrei vedere che non fossero state applicate; ancora il rischio di essere contagiati e di contagiare, senza dimenticare il pericolo di potenziali focolai. 

Accidenti, è come se la Giunta cercasse ostinatamente il primato per diventare la prima città della Regione ad aver conquistato il premio più ambito messo in palio dallo stesso Coronavirus: il contagio. Ora è vero che il Magati è interamente ospedale Covid e il Direttore Sanitario il nostro ex Vice Sindaco, ma questo è sufficiente a proteggere tutti noi?! 
Anche questa volta la causa dell’assembramento è nobile, nessuno lo discute, e lo spirito dell’Amministrazione ammirevole, per l’impegno profuso nel far rivivere la città del Boiardo provata dalla pandemia.

Ma lo slancio di generosità della Giunta si poteva indirizzare altrove come, per esempio, verso un piano di sviluppo economico, aiutare i disoccupati, i commercianti, le imprese in difficoltà, motore dello sviluppo cittadino.

Ho l’impressione che alla Giunta nessuno abbia ancora detto che siamo sotto scacco del Coronavirus e l’idea del ‘festivaLOVE’ va archiviata, ed è inutile cercare escamotage per fare le stesse cose con nomi diversi, anche se in versioni contenute. 

Caro Sindaco, dopo la festa del 25 agosto, a ridosso dell’apertura delle scuole; la ‘spergolonga’ di domenica 04 ottobre; lo spettacolo “La cultura come anticorpo” di venerdì 9 ottobre a piazza Fiume alla presenza di centinaia di persone e Miss Italia a piazza della Libertà domenica 11 ottobre; mi lasci dire: a lei piace giocare col fuoco, solo che rischia di bruciare tutti noi. 

Se la sua Giunta dà questo esempio, perché mai i cittadini, i bar, i ristoranti, i matrimoni e perfino i funerali dovrebbero essere tenuti sotto stretta sorveglianza dalle Forze dell’Ordine ed eventualmente multati?! e addirittura nelle nostre privatissime abitazioni il Governo nazionale, di cui il suo partito è autorevole protagonista, suggerisce di mettere le mascherine e limitare gli ospiti, ci racconti come la sua Amministrazione si concede queste licenze nonostante l’applicazione delle norme di sicurezza! 

Perché sfidare il Coronavirus e rischiare il contagio mentre il Paese è terrorizzato per l’aumento esponenziale dei casi?! Sì, un pessimo esempio ai cittadini. 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *