Nasconde cocaina e crack nell’auto dei Carabinieri: scoperto e denunciato grazie alle procedure anti-Covid

 13/10/2020 – La sfrontatezza dello spacciatore non conosce limiti. Un africano di 24 anni originario della Guinea, portato in caserma a seguito della lite col proprietario di un kebab, ha cercato di disfarsi della droga che aveva addosso, cocaina e crack, nascondendola nell’auto dei carabinieri. Ha infilato alcune dosi sotto il sedile posteriore, però sono subito saltate fuori grazie alle procedure di igienizzazione della macchina previste dai protocolli anti-Covid.

Tutto è cominciato domenica sera in via Eritrea, zona stazione, dove qualcuno ha rubato la bicicletta che il guineiano aveva posteggiato davanti a un kebab.

Il derubato è andato su tutte le furie prendendosela con il titolare colpevole, secondo lui e, di non essersi accorto del furto, e pretendendo di essere risarcito. Sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile di Reggio Emilia che, dopo aver ricondotto alla ragione il derubato, lo hanno portato in caserma per identificarlo e formalizzare la denuncia di furto.

Ma durante il tragitto il bravo ragazzo si sbarazzato di 4 dosi di cocaina già confezionate (due grammi) e di una dose di crack (tre grammi) non trovandole niente di meglio che metterle nell’auto dei militari. Poteva essere nel suo genere un colpo di genio, se non fosse stato per le procedure di igienizzazione. L’epilogo con la denuncia alla Procura reggiana per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: dal furto della bici ai guai con la giustizia, decisamente una giornata no.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.