Infiltrazioni mafiose: “Allarme, ma Regione assente”. Lega chiede convocazione urgente commissioni

30/10/2020 – “Nonostante i diffusi tentativi di infiltrazioni mafiose e criminose nel tessuto economico emiliano–romagnolo, non è stata presentata alcuna relazione dalla Giunta Regionale. Occorre convocare al più presto in sede congiunta le Commissioni I e V”. 

Così il consigliere della Lega ER Stefano Bargi, che ha presentato una richiesta ufficiale ai presidenti delle commissioni Bilancio, Affari generali e istituzionali e Cultura, scuola, formazione sport e legalità.

Il consigliere regionale della Lega, Stefano Bargi

“Siamo davanti al rischio concreto che la criminalità organizzata approfitti della situazione di crisi emergenziale per inserirsi nel circuito dell’economia legale. La recente relazione del Ministero dell’Interno certifica l’emergenza criminalità, legata alle infiltrazioni mafiose. L’anno scorso sono aumentate le truffe informatiche (+12%) e crescono addirittura di un quarto (+25,1%) le interdittive antimafia emesse contro le imprese sospettate di collusioni malavitose” ha spiegato Bargi. 

L’Emilia Romagna ha visto addirittura 228 imprese oggetto di questo pesante provvedimento interdittivo con l’obiettivo di contrastare l’economia mafiosa e preservare il tessuto imprenditoriale sano e regolare. Il report del Viminale pone l’Emilia Romagna subito dopo Calabria, Campania e Sicilia, mentre Modena risulta in regione la città con più interdittive antimafia” aggiunge il consigliere del Carroccio. “Il capo della Polizia Gabrielli ha dichiarato che la crisi economica causata dalla pandemia rischia di consegnare nelle mani della criminalità organizzata negozi, bar e ristoranti oggi in affanno, mentre il Presidente di Confcommercio Sangalli ha ribadito che sono ormai 40.000 le imprese in Italia a rischio usura. Dati che non possono lasciarci in silenzio”.

“La Giunta regionale ogni tre anni, anche avvalendosi dell’osservatorio regionale, è tenuta a presentare alla commissione una relazione. Documento di cui per ora non c’è traccia” ha accusato Bargi. “Ogni giorno le pagine di cronaca raccontano di baby-gang, infiltrazioni mafiose nel settore economico e dell’edilizia. E’ ora che la Giunta prenda una posizione e ci informi” ha concluso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *