“Ho subito un attacco sessista dal Pd”
Denuncia della consigliera Soragni
Intanto la sicurezza della città finisce in coda
Sala del Tricolore, va in scena l’ipocrisia

DI PAOLA SORAGNI *

20/10/2020 – Imbarazzante il quadretto che ci ha offerto ieri il PD in Consiglio Comunale.  la consigliera Marwa ha portato in consiglio l’ennesima mozione di pura propaganda politica, inerente la sensibilizzazione del legislatore al diritto all’allattamento al seno. Essendo noi in un consiglio comunale e non in parlamento, abbiamo ben poco da fare.

Ciò non ha fermato la consigliera Marwa, e la sua squadra che per oltre un’ora hanno sbrodolato tutte le nozioni sull’allattamento al seno, tanto che il Dott. Pedrazzoli ha richiamato studi scientifici anglosassoni, ecc. Anche l’assessore non si è risparmiata in un monologo che ha sforato il tempo concessole dal regolamento per l’intervento.

Paola Soragni

Tutto molto interessante, ma fuori luogo, sia perché il consiglio comunale non è la sede corretta, sia perché in coda vi erano gli ordini del giorno estremamente importanti sulla sicurezza della nostra città, dati i fatti di cronaca nera cui ormai siamo abituati, e soprattutto data la sparatoria in pieno centro storico del sabato appena passato. 

Il Pd ha più volte affermato che bisogna ricordare il SACROSANTO diritto delle donne di allattare, di crescere i propri figli, e di bilanciare il lavoro con la famiglia, senza rinunciare nè all’uno nè all’altro.

 Ebbene, l’ incoerenza del PD ieri è emersa immediatamente: alle 21 si era finito di parlare dell’allattamento al seno e del diritto delle donne di lavorare e di occuparsi dei figli, quando la sottoscritta, sia per l’orario tardo, sia per l’importanza invece dei 4 ODG sulla sicurezza, e in quanto MADRE single che doveva rientrare ad occuparsi della figlia e della cena della minore, ha richiesto di rinviare l’importante discussione che meritava la dovuta attenzione al lunedì successivo.

Un pesante ODG era firmato dalla sottoscritta che avrebbe gradito discutere  personalmente. Il PD, dopo un lungo “conclave” ha emesso il verdetto: NO.

Ritengo vergognosa l’ipocrisia della maggioranza che finge di portare avanti discorsi sociali e umanamente apprezzabili, ma di fatto fa il contrario! RITENGO DI AVERE SUBITO UN PESANTE E GRAVE ATTACCO SESSISTA PROPRIO DA CHI FINGE DI DIFENDERE IL DIRITTO DI GENERE E I VALORI DELLA FAMIGLIA.

 Forse si è sentita la mancanza del capogruppo Cantergiani, di maggior buon senso del resto della squadra, che probabilmente si è fatta trascinare dai soliti noti provocatori.
E forse è per le scelte dell’attuale maggioranza che hanno fatto sì che De Lucia, sempre in prima linea per difendere i diritti di genere, in palese rotta con il gruppo consigliare del PD, non si presenta in consiglio, così come la Montanari, che lo segue a ruota. 
Ringrazio i miei compagni di squadra, Aguzzoli, che mi ha sostituita, e Bertucci, che mi ha sostenuta. 


“consigliere comunale M5S Reggio Emilia

Condividi

Una risposta a 1

  1. Sabrina Rispondi

    20/10/2020 alle 23:38

    Teatrini che conosciamo bene. Il Pd reggiano si può definire politica della convenienza, dell’ incoerenza, dell’ apparenza e della strafottenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *