Giro di fatture false a Reggiolo
Arrestati due imprenditori, sequestri per oltre 2 milioni di euro

20/10/2020 – Questa mattina le Fiamme Gialle di Guastalla hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal tribunale di Reggio Emilia per la custodia cautelare nei confronti di due imprenditori della Bassa, accusati di frode fiscale. Contestualmente si è proceduto al sequestro preventivo di beni immobili – un’abitazione in città e una villetta al Lago di Garda – di auto di lusso, conti correnti e altre dispopnibilità disponibilità finanziarie per un valore di circa 2 milioni di euro.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Iacopo Berardi e tuttora in coso, hanno preso il via nel 2019 in seguito a una verifica fiscale nei confronti di una società reggiana con sede a Reggiolo, formalmente attiva nel settore dell’installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e condizionamento. Nella prima fase degli accertamenti, l’attenzione dei finanzieri si è concentrata sulle fatture passive annotate nella contabilità, risultate emesse da tre imprese con le caratteristiche tipiche delle cosiddette “cartiere”, dedite esclusivamente al rilascio di fatture per operazioni inesistenti.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *