Angeli e Demoni
L’imputato Claudio Foti star al convegno radicale
L’on. Fiorini: “Schiaffo alle famiglie che chiedono giustizia”

“Trovo francamente offensiva e irriguardosa la presenza di Claudio Foti, considerato dagli inquirenti il ‘guru’ dei presunti affidi illeciti della Val d’Enza, tra i relatori ad un convegno oggi a Roma il cui titolo, a mo’ di amara beffa, è ‘Parlateci di Bibbiano’. Proprio lui parla del tema affidi? Siamo per la presunzione d’innocenza, ma al di sopra della legge ci sono motivi di sensibilità, opportunità e rispetto della sofferenza altrui che avrebbero dovuto decisamente prevalere”.

Benedetta Fiorini

Lo afferma la deputata reggiana della Lega, Benedetta Fiorini, a proposito del convegno organizzato oggi a Roma dal Partito Radicale su “Parliamo di Bibbiano-Il caso foti”. convegno di impronta innocentista e che, secondo alcuni, avrebbe la finalità di ottenere lo spostamento del processo Angeli e Demoni da Reggio Emilia (udienza preliminare il 30 ottobre) ad Ancona.

Oggi, al convegno invnia di Torre Argentina,c’erano anche l’avvocato reggiano Marco Scarpati (già indagato, la cui posizione è stata archiviata nella fase istruttoria), Luigi Cancrini, il segretario del Partito radicale Maurizio Turco e ,appunto, lo psicologo di Pinerolo Claudio Foti, deus ex machina del sistema affidi di Bibbiano-Val d’Enza, principale imputato del processo insieme a Federica Anghinolfi.

“Veder filosofeggiare Foti – sottolinea l’on. Fiorini – è uno schiaffo a tante famiglie che si sono battute in questi mesi per chiedere giustizia, chiarezza e verità. A Bibbiano sono accaduti fatti gravissimi sui quali occorre fare piena luce, senza tentennamenti. A breve partirà anche la Commissione parlamentare di inchiesta che potrà fornire un contributo significativo – conclude la deputata . l’obiettivo è colmare i vuoti della normativa in essere e fare luce una volta per tutte, ovunque, sul sistema affidi e sull’ignobile business ad esso collegato”.

Il convegno radicale a Roma sul “caso Foti”
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *