XXV festa della Zucca
Reggiolo, in due week end oltre mezza tonnellata di tortelli

28/9/2020 – A Reggiolo la voglia di festeggiare l’arrivo dell’autunno e celebrare la divina zucca della Bassa non si ferma. Ieri secondo weekend con XXV edizione della Fiera della zucca nel pieno rispetto delle norme per la sicurezza e igienico-sanitarie per il contenimento del virus. Un’impresa, che ha reso necessario un grande impegno da parte degli organizzatori, del Comune di Reggiolo, della Pro loco insieme alle numerose associazioni coinvolte e gli esercenti. Gli spazi della festa sono stati organizzati con accessi controllati, dove i volontari hanno provveduto a ricordare a tutti l’importanza di indossare la mascherina. E così i visitatori e i commercianti hanno rispettato le distanze di sicurezza e indossato i dispositivi di protezione individuale per tutta la durata della festa. Un segno di grande attenzione e disponibilità a collaborare, ma anche la dimostrazione che, nonostante le preoccupazioni, la voglia di incontrarsi e condividere resta sempre.

La festa della zucca a Reggiolo

L’appuntamento con la tradizione, nei due weekend del 19 e 20 settembre e del 26 e 27 settembre, ha visto una riduzione degli eventi proprio a causa dell’emergenza sanitaria e un pubblico complessivamente meno numeroso rispetto al passato, ma la soddisfazione degli organizzatori e dei volontari che si sono resi disponibili è tanta.

Sono stati soprattutto gli appuntamenti a tavola, a prenotazione obbligatoria, del sabato e della domenica i più graditi. Nel corso dei due weekend i volontari della Pro loco hanno venduto la bellezza di 550 kg di tortelli, mentre il ristorante allestito al Parco Salici ha registrato 1.500 persone a tavola. Apprezzatissima come sempre la zucca fritta, magari accompagnata da un bicchiere di lambrusco. Ieri pomeriggio l’evento più seguito è stato quello con l’esibizione dei falconieri proprio davanti alla Rocca.

“Quella di quest’anno è stata una festa non priva di pensieri e difficoltà, costellata di regole – ha commentato il sindaco di Reggiolo Roberto Angeli – ma è stata anche una festa di riscatto e voglia di esserci. È stato faticoso, ma la soddisfazione non manca, soprattutto quando, dietro la mascherina, vedi il sorriso dei nostri volontari, che non smetteremo mai di ringraziare”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *