Una Regia battagliera brilla
e pareggia nell’esordio in B
2-2 con Pisa, capolavori di Mazzocchi e Martinelli

DI PAOLO COMASTRI

Paolo Comastri

28/9/2020 – Dopo 21 anni, le statistiche dicono 7777 giorni, dall’ultima partita disputata dai granata nella cadetteria, buon esordio della Reggiana in serie B con un punto davvero d’oro conquistato contro il Pisa.

I padroni di casa vanno in vantaggio, poi subiscono la rimonta. infine riagguantano il match con Martinelli; una Reggiana comunque coraggiosa, protagonista di una gara fatta da momenti, a volte meglio il Pisa, vedi la seconda metà primo tempo, altre i granata, prima parte della ripresa, ma globalmente si è vista una Reggiana battagliera e coriacea.

Il simbolo di questa squadra è la corsa dopo il gol di Riccardo Martinelli. Il difensore aretino svetta di testa e insacca la rete del 2-2 contro il Pisa, poi quella voglia di esultare insieme ai compagni e abbracciarsi tutti insieme. Sentita, bella, vissuta e con Michele Cerofolini, portiere granata, che si fa 60 metri per dargli il cinque.

In un momento di difficoltà, con diverse assenze, Venturi, Rossi, Rozzio, Costa, Varone, Germoni, e la difesa praticamente da inventare, i granata ci hanno messo il cuore e si sono compattati; c’è ancora da crescere e la Reggiana dovrà lavorare ancora ma quanto vito al Mapei Stadium induce davvero all’ottimismo per il futuro.

A ogni buon conto il primo rischio lo corre la Regia: siamo al 6’, quando Martinelli su una rimessa laterale perde di vista Soddimo che sguscia via e va giù in area, ma non c’è niente. Poco dopo Vido ci prova da fuori: debole e impreciso. In questi primissimi minuti il Pisa fa subito valere la fisicità a centrocampo, ma sono i ragazzi di Alvini a passare in vantaggio al 7’, quando Radrezza illumina la scena con un lancio lungo che mette in porta Mazzocchi (difesa del Pisa che si apre colpevolmente): il numero 10 va di potenza e segna il primo gol della Regia in B dopo 21 anni.

La partita ha un un buon equilibrio e un discreto ritmo; al 14’ Soddimo, il più ispirato dei suoi, prova il sinistro, ma è impreciso. 10’ dopo il Pisa conquista il primo corner della gara, e dagli sviluppi arriva il gol del pari: Gucher riceve sulla fascia destra, cross sul primo palo e con un’ottima torsione Caracciolo anticipa Gyamfi e la mette all’angolino basso lontano.

Ora il Pisa viene fuori mentre la Regia soffre un po’ il colpo del pari; al 27’ Soddimo va nuovamente già in area dopo un contatto con Muratore, ma anche questa volta si prosegue.

La Regia fa fatica a creare situazioni di gioco, e al 36’ i toscani passano addirittura in vantaggio; Perilli cerca la testa di Marconi, che spizza per Vido; Gyamfi sembra in vantaggio ma il classe ’97 di proprietà dell’Atalanta mette il turbo e passa tra il ghanese e Zampano, e col sinistro supera Cerofolini che era uscito arrivando a metà area.

Nel finale la Regia rimette la testa fuori dal guscio: al 39’ Voltan batte una punizione laterale, Mazzocchi stacca di testa, ma va alto. Poi c’è tempo per un’occasione per parte: prima il solito Soddimo pesca Pisano, che da pochi passi di testa non trova la porta (Cerofolini non esce nell’occasione), e poi Gyamfi crossa per Kirwan, ma il colpo di testa del numero 26 trova Zamparo in posizione irregolare (il 9 aveva preso la traversa da 2 metri).

Nella ripresa, altra Regia, più propositiva e vivace. La prima palla però ce l’ha il Pisa: Vido scarica per Marin che prova la rasoiata, potente ma di poco a lato. I granata spingono, hanno un piglio visibilmente migliore rispetto alla seconda metà del primo tempo: al 13’ Mazzocchi viene servito in posizione leggermente defilata, e Varnier mura. Lunetta è uno dei motivi della spinta granata, e al 23’ si prende un corner, Radrezza batte e Martinelli impatta perfettamente trovando il prezioso 2-2.

La gara si blocca un po’, non arrivano grandi occasioni da ambo le parti, c’è grande lotta e si vedono alcuni ribaltamenti solo potenzialmente pericolosi. Uno di questi è in favore del Pisa: al 37’ Marconi sta per battere a rete da 1 metro, Kirwan è provvidenziale nel murarlo in tempo. In mezzo c’è l’esordio di Ajeti (da mediano difensivo più che da difensore puro), che si presenta subito con un contrasto vinto. All’ultima palla, Palombi s’invola incredibilmente solo a rete: provvidenziale il recupero di Ajeti. Finisce così.

Il tabellino

REGGIANA-PISA 2-2

MARCATORI: 7pt Mazzocchi (R), 24′ pt Caracciolo (P), 35′ pt Vido (P); 23′ st Martinelli (R)
REGGIANA
 (3-4-1-2): Cerofolini; Martinelli, Espeche, Gyamfi; Zampano (13′ st Lunetta), Muratore, Radrezza (43′ st Pezzella), Kirwan; Voltan (33′ st Ajeti); Zamparo (13′ st Marchi), Mazzocchi (33′ st Cambiaghi). A disposizione: Voltolini, Gatti, Libutti, Lorenzani. Allenatore: Alvini
PISA (4-3-1-2): Perilli; Lisi, Caracciolo, Varnier, Pisano (17′ st De Vitis); Marin, Gucher (32′ st Mazzitelli), Siega (32′ st Palombi); Soddimo (17′ st Birindelli); Vido, Marconi. A disposizione: Kucich, Loria, Belli, Pompetti, Sibilli, Masetti, Masucci, Benedetti. Allenatore: D’Angelo
ARBITRO: Daniele Paterna della sezione di Teramo;
ASSISTENTI: Filippo Meli della sezione di Parma e Damiano Di Iorio di Verbano-Cusio-Ossola;
IV UOMO: Alessandro Prontera di Bologna.
NOTE – Un minuto di silenzio in memoria dell’arbitro Daniele De Santis, deceduto nella giornata di martedì. Ammoniti Radrezza, Zampano, Caracciolo, Pisano, Martinelli. Un minuto di recupero nel primo tempo.

Paolo Comastri

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.