L’ultima della Giunta Vecchi
Reggiana senza campo d’allenamento alla vigilia della B
Cavazzoli vietato, c’è un’alternativa seria?

4/9/2020 – Forse, il condizionale è d’obbligo, sarà l’ incontro fissato per oggi, venerdì 4 settembre alle 16 tra i vertici della Fondazione per lo sport di Reggio Emilia e la Reggiana Calcio, a indicare una soluzione per gli allenamenti della squadra appena promossa in serie B. Perchè al momento i granata ,che stanno concludendo il ritiro pre campionato a Carpineti, non sanno dove potranno allenarsi, stante l’inagibilità del campo di Cavazzoli. La decisione, un fulmine a ciel sereno, è stata comunicata dalla Fondazione al club granata con una letterina di tono burocratico, senza nemmeno un contatto preventivo, senza spiegare le ragioni dell’inagibilità e soprattutto senza indicare una soluzione alternativa.

Il sindaco Vecchi, a margine della conferenza stampa per la presentazione dell’Arena Rcf del Campo Volo, (inaugurata virtuale senza pubblico il 10 settembre con un mini concerto di Ligabue,) ha dato assicurazione che il problema sarà risolto con tempestività. Vedremo i fatti.

Ieri il gruppo consiliare della Lega ha lanciato l’allarme per il rischio effettivo che i granata, nel momento in cui esordiscono in serie B, non abbiano un posto dove curare la preparazione tecnica e atletica.

Sembra surreale, mentre invece purtroppo è tutto vero – afferma il Carroccio – La decisione è stata comunicata due giorni fa, a poco più di 3 settimane dall’ inizio del campionato, dalla Fondazione per lo sport del Comune di Reggio alla società Reggiana, la quale è rimasta incredula e terribilmente preoccupata.
Quali sono le tempistiche per il ripristino?
Che lavori ci sono da fare?

Ovviamente in pieno stile amministrazione Vecchi, non sono state fornite ulteriori spiegazioni, ma tutto verrà spiegato in un summit con la società domani.

Assurdo e gravissimo – aggiungono i consiglieri comunali – che la squadra simbolo della città corra il rischio di pregiudicare la preparazione del campionato perché l’amministrazione comunale non è in grado di fornirgli un campo adeguato.
Semplicemente vergognoso l’atteggiamento della Giunta e della Fondazione dello sport, che senza trovare preventivamente una altra soluzione per la squadra, manda una lettera allo società dicendo che “non possono più utilizzare il campo di Cavazzoli“.
Chi si prende la responsabile di questi gravi disservizi?
Tutto questo è la naturale conseguenza della mancata programmazione sugli impianti sportivi e dell’assenza di vere e proprie politiche per le società locali e per la crescita dei ragazzi”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.