“Il Csm riveda la nomina
del procuratore Mescolini a Reggio”
Eboli: “Chiarezza dopo il caso Menzione”
Il ruolo politico è titolo di merito o vulnus?

12/9/2020 – Il Csm deve rivedere la nomina di Marco Mescolini a Procuratore di Reggio Emilia. E’ quanto sostiene il portavoce di Fratelli d’Italia Marco Eboli, il primo a suggerire la strada delle “dimissioni” a Mescolini per le chat con cui premeva su Palamara per ottenere la sede di Reggio. E ciò alla luce del rinvio della nomina a procuratore di Lucca di Domenico Menzione, già sottosegretario nei governi Renzi e Gentiloni dal 2013 al 2018. Le analogie tra i due casi – sostiene – sono evidenti, perchè Mescolini lavorò col vice ministro dell’Economia Pinza nel secondo governo Prodi.

Marco Mescolini

Ora che il plenum del CSM ha rinviato alla quinta commissione la nomina dell’ex sottosegretario Menzione – scrive Eboli – “penso sarebbe opportuno che il CSM rivedesse anche la nomina del Procuratore capo di Reggio Emilia Marco Mescolini. Avanzo questo invito perché anche Mescolini fu dell’ex sottosegretario Menzione presso il Vice Ministro all’economia Pinza, nel secondo Governo Prodi.

“Anche sotto il profilo della pertinenza professionale Mescolini, per essere nominato nel 2018, dovette attendere che, con un abile gioco di pedine, il giudice D’Avino fosse collocato presso la Procura di Parma. Sistemato quest’ultimo (che aveva più esperienza di lui) fu un gioco da ragazzi, essendo l’unico candidato, nominare Mescolini”.

Un plenum del Csm

“Quindi due analogie importanti con esiti opposti. Per Mescolini, nella motivazione di nomina del CSM, si citava la sua esperienza politica presso la segreteria del Vice Ministro Pinza, come un merito che avvalorava  la nomina – fa notare l’esponente di FdI – Nel caso del giudice Manzione invece il suo ruolo politico viene considerato un vulnus che, unitamente a carenze di carriera professionale per poter accedere a Capo della Procura di Lucca, ha determinato la decisione del plenum di rinviare alla quinta commissione la candidatura, affinché possa essere comparata con altre”.

Marco Eboli

Preme sottolineare – conclude – che il CSM che ha nominato Mescolini e rinviato Manzione è lo stesso, motivo per cui, si impone, da parte del Presidente della Repubblica, che presiede anche l’organo di autogoverno della Magistratura, di dare un indirizzo chiaro che, potrebbe determinare anche la revoca della nomina a Capo della Procura di Reggio Emilia del Giudice Mescolini- Il quale, nel frattempo, continua a tacere sull’indagine, avviata due anni fa sui dirigenti del Comune di Reggio”.

Be Sociable, Share!

4 risposte a “Il Csm riveda la nomina
del procuratore Mescolini a Reggio”
Eboli: “Chiarezza dopo il caso Menzione”
Il ruolo politico è titolo di merito o vulnus?

  1. Albatros Rispondi

    12/09/2020 alle 10:27

    Qui non si tratta di fare un regalo alla destra, ma di pretendere un procuratore che non sia schierato da nessuna parte. Dove sono tutti quelli che per anni hanno visto silenziare i loro esposti e tutte le loro domande scomode? Che ne pensano: Spadoni, Rubertelli, Guatteri, Olivieri, Aguzzoli, Vaccari, Incerti, Fantuzzi e tutti i vari comitati ambientalisti che per anni si sono visti sbattere la porta in faccia? E Agende Rosse, Elia Minari, il Giornalino Studentesco, e il Collettivo di sinistra, che produsse un corposo dossier sull’anomalo appalto del Vittoria Park? Perchè non si esprimono? Di cosa hanno paura? Non credo che si possa rischiare di essere assimilati alla destra, si rischia invece di essere assimilati ai pesci in barile. La prudenza e la cautela sono doverose solo in mancanza di prove certe, ma ormai i giochi sono chiari.

  2. Il cormorano Rispondi

    12/09/2020 alle 14:40

    Bravo Albatros, vedo che hai citato tutti, Ma soprattutto la NS MARIA Spadoni che reputo persona corretta, e non legata a vecchi schemi, perché non chiede a gran voce CHIAREZZA!!!!!!! I Reggiani io compreso avevano fiducia in questa giovane persona, adesso non può appiattirsi agli ‘ordini di scuderia!!!!! La verità rende l’uomo libero E la VERITÁ NON HA COLORE POLITICO!!!!!!!!

  3. Gabbiano Rispondi

    12/09/2020 alle 16:40

    Condivido quanto scritto. Il problema però che i reggiani sono indifferenti a tutto e continuano a pensare che siano sono insinuazioni ‘fasciste’. Non c’è pensiero critico.

  4. Sabrina Rispondi

    12/09/2020 alle 16:47

    In merito alla posizione delle Agende Rosse, si sono già espresse chiaramente.

    https://www.facebook.com/processoaemilia/photos/a.1512667525697928/2428293450801993

Rispondi a Sabrina Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.