Web truffe: arrestati due rom a Reggio e nel bergamasco
Auto pagate e mai consegnate per 150 mila euro

Il Gip di Reggio Emilia ha ordinato l’arresto ai domiciliari di due pregiudicati di etnia rom ritenuti responsabili in concorso tra loro di nove truffe commesse tra l’aprile e il maggio 2019 a Reggio e a Trezzano sul Naviglio (Milano). Le misure cautelari sono state eseguite in un un campo nomadi di Reggio e a Telgate, in provincia di Bergamo, dai carabinieri di Trezzano sul Naviglio, supportati dai comandi territorialmente competenti.

In particolare “i malfattori, titolari di una concessionaria, avevano stipulato numerosi contratti di vendita di auto usate, pubblicizzate su appositi siti di annunci on-line. Incassati i compensi mediante bonifici bancari, per un valore di circa 150 mila euro,  si erano resi irreperibili al momento di consegnare le autovetture”. Inoltre avevano smantellato in una notte la sede dell’autosalone di Trezzano, allestito ed acquisito in locazione per il periodo strettamente necessario a commettere truffe.

Le investigazione sono partite dalle testimonianze delle vittime, “con numerose individuazioni fotografiche e servizi di osservazione e pedinamento effettuati nelle provincie di Bergamo e Reggio Emilia”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.