Scandalo Palamara e procura di Reggio
Eboli a Mescolini: “Pensi seriamente alle dimissioni”
“Il codice etico deve valere anche per i magistrati”

DI MARCO EBOLI*

Marco Eboli

13/8/2020 – Il riaffiorare delle notizie sul caso Palamara, le spartizioni tra correnti del Consiglio Superiore della Magistratura, dei vertici delle Procure, è uno scandalo cui purtroppo il Presidente della Repubblica Mattarella, che Presiede l’organo di autogoverno della Magistratura, non ha posto rimedio, sino ad ora, con il doveroso scioglimento del CSM.

Anche la Procura di Reggio Emilia, e in particolare il Procuratore capo Marco Mescolini è stato beneficiato da questo “gioco” delle pedine, aiutato ad occupare il posto che occupa, dal magistrato reggiano Morlini, il quale fu intercettato a perorare la causa Mescolini con Palamara e successivamente nominato presidente della Quinta commissione del CSM, quella che decideva le nomine.

Finito nel vortice delle intercettazioni, si è dimesso dal CSM, ma è tornato a Reggio Emilia, ad occupare il posto di prima, in quello stesso Palazzo di Giustizia dove Marco Mescolini – con l’aiuto di Morlini – è oggi ai vertici della nostra Procura.

Mescolini il giorno del suo insediamento alla Procura di Reggio Emilia

Tutto ciò non può essere ulteriormente ignorato.

Se un codice etico deve esserci per i politici, altrettanto vale per i magistrati, che nell’esercizio delle proprie funzioni dovrebbero essere liberi e indipendenti, ma se come ha dimostrato il caso Palamara, gli intrecci tra politica e magistratura, sono stati il modo per nominare i vertici giudiziari, allora il cittadino comune non può sentirsi garantito.

Per dovere di cronaca, chi tirava politicamente le fila delle nomine era l’ex Ministro di Renzi, attualmente deputato PD Lotti. Esiste quindi l’istituto delle dimissioni, di cui, il Dott Mescolini potrebbe avvalersi.

Il giudice Gianluigi Morlini, subito dopo l’elezione al Csm

Le ragioni non sono solo quelle che ho citato. Nel corso delle scorse elezioni comunali del 2019 fu aperta una indagine dalla Procura di Reggio Emilia sulla maggioranza dei dirigenti del Comune di Reggio. Subito dopo il ballottaggio, che ha visto la rielezione del Sindaco Vecchi di centrosinistra, vi fu una seconda ondata di indagati. Il Procuratore capo Mescolini fece una conferenza stampa per comunicare che le indagini erano partite da tempo ma che, per non turbare l’esito delle elezioni, aveva deciso di rendere noto il nome dei nuovi indagati, ad elezioni concluse.

Palamara

Eccesso di garantismo o tifoseria di parte? Si, perché il dottor Mescolini, nel corso della sua carriera, prese un distacco per collaborare con un Ministro del Governo di Centrosinistra presieduto da Prodi. È lecito pensare che se il nome dei nuovi indagati fosse uscito durante le elezioni, si sarebbe potuto avere un risultato diverso?.

Di fatto, da due anni, nulla si sa di quella indagine. Essendo un garantista mi metto nei panni di quei dirigenti che, se innocenti, sono sulla graticola. Se invece fossero colpevoli dovrebbero dimettersi.

Dott. Mescolini, le rivolgo un appello e rifletta sulle scelte che può fare sulla prosecuzione della sua attività di Magistrato, a capo della Procura che ha visto celebrare il processo contro la ndrangheta Aemilia. Si guardi dentro, come uomo e faccia un esame di coscienza sulla decisione che potrà prendere. Nel frattempo, come fece una conferenza stampa dopo il ballottaggio, faccia sapere alla città qualcosa sulle indagini che riguardano i dirigenti del Comune di Reggio Emilia. 


(*Portavoce Fratelli d’Italia Comune di Reggio Emilia)

3 risposte a Scandalo Palamara e procura di Reggio
Eboli a Mescolini: “Pensi seriamente alle dimissioni”
“Il codice etico deve valere anche per i magistrati”

  1. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    13/08/2020 alle 15:02

    CONDIVIDO LA RICHIESTA DI MARCO EBOLI: PER LA MAGISTRATURA ITALIANA E SOPRATUTTO PER IL RISPETTO DOVUTO A NOI CITTADINI, TUTTI, IL PROCURATORE CAPO DR. MARCO MESCOLINI DOVREBBE DIMETTERSI.
    Alessandro Raniero Davoli
    Consigliere comunale, capogruppo, CASTELNOVO MONTI
    Consigliere UNIONE MONTANA APPENNINO REGGIANO

  2. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    13/08/2020 alle 16:55

    CONDIVIDO LA RICHIESTA DI MARCO EBOLI: PER LA MAGISTRATURA ITALIANA E SOPRATUTTO PER IL RISPETTO DOVUTO A NOI CITTADINI, TUTTI, IL PROCURATORE CAPO DR. MARCO MESCOLINI DEVE DIMETTERSI.
    Alessandro Raniero Davoli
    Consigliere comunale, capogruppo, CASTELNOVO MONTI
    Consigliere UNIONE MONTANA APPENNINO REGGIANO

  3. Edmondo Rispondi

    14/08/2020 alle 08:21

    Ma quale rispetto…
    ‘Kuesti’ da decenni fanno fuori sistematicamente ‘chi pare a loro’ e si divertono pure oltre ad arricchirsi che è il loro primo obiettivo di una cosiddetta vita).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.