Covid E-R 3/8
Un solo nuovo caso a Reggio, nessun decesso in tutta la regione
Il vaccino italiano sarà sperimentato anche a Piacenza

3/8/2020 – Dopo due giorni di apprensione, con sedici contagiati, oggi la provincia di Reggio Emilia registra un solo nuovo caso di positività (nel capoluogo). Sono 34 i nuovi positivi in tutta la regione, di cui 7 a Piacenza, 8 a Modena e 6 a Bologna. Per il secondo giorno consecutivo non si registra alcun decesso legato al Covid in tutta l’Emilia-Romagna. Oggi l’assessore regionale Donini ha annunciato che Piacenza sarà fra le quattro province – insieme a Roma, Verona e Cremona – dove sarà sperimentato il vaccino italiano anti-Covid.

IL RESOCONTO DELL’AUSL DI REGGIO EMILIA DEL 3 AGOSTO


NUOVI CASI TOTALE
TAMPONI POSITIVI 1 5103
TERAPIA INTENSIVA
0
ISOLAMENTO DOMICILIARE 1 229
RICOVERO NON INTENSIVA 42*
GUARITI CLINICAMENTE TOTALI 92
GUARITI CON DOPPIO TAMPONE NEGATIVO
4304

* Il dato comprende le persone positive in isolamento negli alberghi COVID

IL BOLLETTINO DELLA REGIONE DEL 3 AGOSTO

3/8/2020 – Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 29.808 casi di positività, 34 in più rispetto a ieri. Di questi, 23 gli asintomatici, individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali.

Modena e Piacenza le province col maggior numero di nuovi casi.  In quella di Modena, degli 8 nuovi casi, 4 riguardano persone individuate dagli screening a tappeto nel settore della lavorazione carni avviati dalla Regione, 2 rientri dall’estero, una persona tracciata in quanto contatto di un caso noto e un caso sporadico di una persona sintomatica. In provincia di Piacenza, dei 7 nuovi casi, 6 (tutti asintomatici) derivano dallo screening nel comparto della logistica, di cui 4 anche collegati a casi noti, e uno relativo a una persona sintomatica contatto di un caso già conosciuto, e quindi dal tracciamento fatto.

I tamponi effettuati sono 5.357, per un totale di 678.601. A questi si aggiungono anche 1.083 test sierologici.

guariti salgono a 23.957 (+14). I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.560 (20 in più rispetto a ieri). Nessun decesso registrato.

Le persone in isolamento a casa, sono complessivamente 1.489 (+21). Scendono a 3 i pazienti in terapia intensiva (uno in meno di ieri), stabile il numero dei ricoverati negli altri reparti Covid (68).

Le persone complessivamente guarite salgono dunque a 23.957 (+14 rispetto a ieri): 145 “clinicamente guarite” e 23.812 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Questi i nuovi casi di positività sul territorio: 4.635 a Piacenza (+7, di cui 1 sintomatico), 3.781 a Parma (+3), 5.113 a Reggio Emilia, ma 5.103 secondo i dati Ausl (+1, sintomatico), 4.143 a Modena (+8, di cui 4 sintomatici), 5.735 nell’area metropolitana di Bologna (+6, di cui 3 sintomatici) compresi i 432 del comprensorio di Imola, dove peraltro oggi non si registra nessun nuovo caso. Invariata anche la cifra di Ferrara (1.090 contagiati da inizio pandemia) mentre a Ravenna sono 1.167 (+3, di cui 1 sintomatico), 995 a Forlì (+1), 835 a Cesena (invariato) e 2.314 a Rimini (+5, di cui 1 sintomatico). 

PIACENZA ENTRA NELLA SPERIMENTAZIONE DEL VACCINO ITALIANO

3/8/2020 – Una delle province che ha pagato il prezzo più alto al Coronavirus, Piacenzaentra a far parte della sperimentazione del vaccino italiano contro il Covid-19. Unica città assieme a Roma, Verona e Cremona.

Il progetto, guidato dall’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani e finanziato da Regione Lazio e Ministero dell’Università e della Ricerca, in una prima fase coinvolgerà 45 volontari sani massimo 55enni, ai quali sarà somministrato il vaccino; se i test non avranno controindicazioni, verranno poi allargati a un nuovo gruppo di cittadini tra i 65 e i 75 anni, per poi essere ulteriormente estesi con il progredire dei risultati, come ha resto noto la Regione Lazio.

dettagli operativi sono ora nella fase di ultima definizione e i professionisti dell’Azienda Usl di Piacenza continuano a collaborare con il team nazionale del progetto. Intanto, il vaccino ha già superato i test preclinici effettuati sia in vitro che in vivo su modelli animali, che hanno evidenziato la forte risposta immunitaria indotta e il buon profilo di sicurezza; ora può quindi cominciare la fase 1 di sperimentazione sull’uomo della piattaforma vaccinale italiana, alla quale ha collaborato anche il Consiglio Nazionale delle Ricerche con il supporto del Ministero della Salute.

L’ospedale Guglielmo Da Saliceto di Piacenza

Soddisfatto il direttore generale della Usl di Piacenza, Luca Baldino: “Un risultato sul quale diverse articolazioni aziendali hanno lavorato molto, nelle scorse settimane, a cominciare dai professionisti della Unità Operativa di Malattie infettive con il direttore Mauro Codeluppi, fino agli operatori dello staff aziendale incaricato di gestire i progetti di ricerca e innovazione e ai farmacisti dell’ospedale. Abbiamo ottenuto le autorizzazioni necessarie da parte di Aifa ed ora siamo pronti a collaborare con l’Istituto Spallanzani per iniziare la sperimentazione sull’uomo. Tutti noi ci auguriamo davvero che dal nostro lavoro arrivi una spinta importante alla realizzazione del vaccino”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.