Coronavirus: scoppia il caso dei documenti secretati
FdI a Bonaccini: “Chiedi al governo di rendere pubblici tutti i verbali del comitato tecnico-scientifico”

4/8/2020 – La Regione chiederà la desecretazione di tutti i verbali del Comitato tecnico scientifico sul Coronavirus? In questi mesi si è agito davvero solo ed esclusivamente nell’interesse dei cittadini come più volte dichiarato dal Presidente Bonaccini?

Le polemiche sull’accesso ai documenti clou della pandemia Covid-19 arrivano in viale Aldo Moro: a chiedere chiarezza è Fdi con un’interrogazione a prima firma del consigliere Giancarlo Tagliaferri sottoscritta anche dal consigliere Michele Barcaiuolo.

Trasparenza è una delle tante parole pronunciate dal governatore Stefano Bonaccini durante le ormai famose conferenze-stampa della Fase 1. Eppure qui di trasparenza non ne vediamo proprio”, incalzano i consiglieri che vogliono sapere dalla Giunta “se davvero tutto sia stato fatto in trasparenza e nell’interesse della collettività, come Bonaccini ha più volte ribadito, e se l’amministrazione regionale intenda insistere presso il governo facendo ricorso al Consiglio di Stato per cercare di leggere quei cinque verbali del Comitato tecnico scientifico tenuti secretati, anche per rispetto nei confronti dei cittadini che hanno tutto il diritti di sapere”.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Guido Carboni Rispondi

    04/08/2020 alle 17:53

    Sarebbe veramente importante che Bonaccini insista sulla richiesta di rendere pubblici i documenti che hanno portato alle decisioni prese dal governo!! Anche perché se veramente si è agito nell’interesse generale non vedo niente di ostativo ! ma in questo meraviglioso paese quando non si vuole fare sapere la verità si passa a secretare gli atti!! Gli italiani sono gente responsabile se le cose vengono spiegate in modo corretto, possono anche non sempre essere condivise, ma dalla maggioranza sicuramente vengono condivise!!! Bonaccini fai la tua parte fino in fondo!!! GrazieCarboni

Rispondi a Guido Carboni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *